Il Gender è arrivato negli asili! Bisogna fare qualcosa!

0
290

Che fine ha fatto il #Gender? Questa è una #domanda che molti si pongono, in tv e nelle radio tutto tace ma ciò non vuol dire che il gender sia scomparso,anzi, tutt’altro, è un veleno che cammina e si infiltra nelle vene scolastiche in maniera molto “discreta e indisturbata” come anche nei libri illustrativi indirizzati agli asili, per indottrinare i più piccolini alla cultura “dei nuovi sessi e delle nuove famiglie”.

Ci hanno segnalato un testo che sta girando in alcuni asili italiani, il libro si chiama “Piccolo Uovo” ed attraverso alcuni disegni illustrativi, viene spiegato ai bambini in che modalità, l’uovo femminile e il semino maschile possono incontrarsi per permettere poi, a due mamme e a due papà, di essere genitori di un futuro bambino che ovviamente viene portato in grembo da una terza persona.

Tutto questo è molto grave e diabolico! Qualcuno deve intervenire perchè non può passare tutto così inessorvato come se fosse la “normalità della vita”.

Prima di passare alle immagini, rispolveriamo un pò le idee; Che cos’è il Gender?

Secondo la teoria del gender, l’identità sessuale di un individuo non viene stabilita dalla natura e dall’incontrovertibile dato biologico ma unicamente dalla soggettiva percezione di ciascuno che sarà  libero di assegnarsi il genere percepito, “orientando” la propria sessualità secondo i propri istinti e le proprie mutevoli pulsioni.

Secondo questa ideologia, non si è uomini e donne perché nati con certe identità fisiche, ma lo si è solo se ci si riconosce come tali. Non ci sono maschi e femmine ma ci sono semplicemente uomini, liberi di assegnarsi autonomamente il genere che percepiscono al di là del loro sesso naturale.

Esempio pratico: io nasco e decido se voglio essere maschio o femmina.

Ma adesso passiamo al testo illustrativo che alcuni asili italiani, stanno adottando per indottrinare i bambini, con queste teorie assurde.

Servizio di Rita Sberna

 


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here