“Lasciami Volare” Il Tuffo di Emanuele è stato l’inizio di tutto …

0
2700

Questa è la storia di Emanuele Ghidini, un ragazzo di 16 anni che la maledetta notte del 24 novembre 2013, ha deciso di troncare la sua vita terrena, a causa dell’assunzione di una droga sintetica, tuffandosi nel fiume Chiese a Govardo dove viveva con i genitori e le 2 sorelle.

A seguito di questo tragico evento, nasce un libro scritto dal papà GianPietro Ghidini insieme a Marcello Riccioni dal titolo “Lasciami Volare”, una sorta di dialogo per genitori e figli.

GianPietro ha fondato la fondazione “Pesciolino Rosso” dedicata ad Emanuele ed il nome di tale fondazione è molto significativo …

Il Sig. Ghidini gira tutta l’Italia per portare la sua testimonianza di padre, di uomo e di figlio di Dio.

GianPietro su facebook ha una pagina dedicata alla fondazione con migliaia di iscritti chiamata Ema Pesciolinorosso.

 

GianPietro perché ha deciso di scrivere questo libro?

Il libro nasce in seguito alla tragica morte di mio figlio Emanuele, aveva 16 anni quando ha deciso di volare troppo in alto.

Emanuele aveva ingerito una sostanza sintetica, mentre si trovava una sera ad una festa, insieme a degli amici maggiorenni in una casa privata.

Ad un certo punto si è avvicinato insieme ad un amico, nel fiume, dicendo che doveva uccidersi e così ha fatto.

Vi lascio immaginare lo strazio di noi genitori! Dopo due giorni dalla morte di Emanuele, scrissi una lettera dopo un sogno che feci,  in cui raccoglievo Emanuele dall’acqua e in quell’istante sentivo un energia inesauribile.

Emanuele mi indicava la strada che dovevo percorrere ed ho capito che da quel momento in poi, dovevo dedicare la mia vita ai giovani attraverso l’associazione Pesciolino Rosso che successivamente ho creato per dare un futuro ai ragazzi.

La lunga lettera è stata pubblicata nel libro.

Il libro vuole essere d’aiuto per i genitori e per i figli, vuole dare delle risposte e vuole far sollevare delle domande.

 

Lei e sua moglie, in veste di genitori, vi siete mai rimproverati qualcosa a seguito della tragedia avvenuta?

E’ normale rimproverarsi qualcosa perché se un figlio arriva ad ingerire una droga sintetica, a quel punto, un genitore deve porsi delle domande.

I sensi di colpa sono stati immensi perché quando il dolore ti colpisce così forte è come se scavasse il vuoto dentro di te; l’istinto è di riempire il vuoto con la rabbia e la sete di vendetta, facendo del male a chi gli aveva dato quella droga. Ma Emanuele mi ha fatto subito capire che dovevo sostituire nel mio cuore, l’odio all’amore e la vendetta al perdono, ricordandomi che ci sono tante altre persone che hanno bisogno del nostro abbraccio, del nostro amore e del nostro rispetto.

E’ chiaro che tutto non è stato come prima ma tutto è diventato più di prima.

C’è qualcosa di immensamente straordinario e misterioso nel dolore, in grado di diventare anche un buon compagno di viaggio.

 

Che ragazzo era Emanuele?

Emanuele era un ragazzo pieno di vita, amava tutto l’universo intorno a sé, amava gli animali, la natura e la vita stessa.

Purtroppo negli ultimi due mesi si era un po’ perso, forse per riempire qualche sua debolezza e lacuna ha voluto provare quella droga ed ha pagato caro il prezzo del suo errore.

 

Che rapporto aveva con voi? Dialogava?

Con noi aveva un ottimo rapporto. E’ chiaro che quando arriva l’adolescenza per un ragazzo, si da molto spazio agli amici (com’è giusto che sia) perché i ragazzi hanno bisogno di crescere confrontandosi con gli altri.

Tra noi e lui, c’era una stima reciproca.

Quando vi siete accorti esattamente che Emanuele era caduto nel tunnel della droga?

Diciamo che non abbiamo nemmeno avuto il tempo di accorgercene. Non è mai arrivato a casa una sola volta tardi o che stesse male, è stata una cosa repentina e nessuno si è mai accorto di nulla.


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here