“Accoglieva tutti quelli che venivano da lui, annunciando il regno di Dio”

Illustrazioni Vangelo di Cristian Nencioni art

30/05/2020
✝ATTI DEGLI APOSTOLI 28, 16-20.30-31

Arrivati a Roma, fu concesso a Paolo di abitare per conto suo con un soldato di guardia.

Dopo tre giorni, egli fece chiamare i notabili dei Giudei e, quando giunsero, disse loro: «Fratelli, senza aver fatto nulla contro il mio popolo o contro le usanze dei padri, sono stato arrestato a Gerusalemme e consegnato nelle mani dei Romani. Questi, dopo avermi interrogato, volevano rimettermi in libertà, non avendo trovato in me alcuna colpa degna di morte. Ma poiché i Giudei si opponevano, sono stato costretto ad appellarmi a Cesare, senza intendere, con questo, muovere accuse contro la mia gente. Ecco perché vi ho chiamati: per vedervi e parlarvi, poiché è a causa della speranza d’Israele che io sono legato da questa catena».
Paolo trascorse due anni interi nella casa che aveva preso in affitto e accoglieva tutti quelli che venivano da lui, annunciando il regno di Dio e insegnando le cose riguardanti il Signore Gesù Cristo, con tutta franchezza e senza impedimento.

Parola di Dio

 🕯SCINTILLA DI LUCE
30/05/2020 Dagli Atti degli apostoli 28,16 -20.30-31

“Accoglieva tutti quelli che venivano da lui, annunciando il regno di Dio e insegnando le cose riguardanti il Signore”.

🔥Paolo ha dato la vita per le sue “pecore” ( Gv 10, 11- 18). Non si è arreso neanche davanti alle catene e alle accuse di morte. Era agli “arresti domiciliari”, ma poteva ricevere chiunque, ed è stato vero strumento di conversione: “annunciando il Regno di Dio e insegnando le cose riguardanti il Signore”. Paolo non si scoraggiava MAI perché soffriva per la Verità, per Gesù, anzi la sua gioia e la sua Fede nelle prove, si fortificava!Viviamo il Vangelo! Se siamo UNITI a Gesù, “Parola VIVA”, sentiamo SEMPRE la forza e la Luce di Cristo Risorto, e quindi come Paolo, si arriva al punto che né la sofferenza né la morte fanno più paura. Paolo “accoglieva tutti” e “insegnava”…era questa la sua ricarica! Lui viveva per Cristo, guardava a Lui e alla sua “Missione” più che alle sue sofferenze! La sua vita era illuminata e valorizzata da questo “FARO”: Gesù…. al punto da dire: “Io vivo, sì, ma non sono io che vivo, è Gesù che vive in me!”.

Leggi di più:  "Non posso fare delle mie cose quello che voglio?"

Quando lasciamo vivere Gesù in noi, anche se ASSISTIAMO alle più grandi “tragedie” nella nostra vita, non ci scoraggiamo più, perché sappiamo che Cristo, è vero…ha patito, è morto, ma sappiamo anche che è RISORTO! Se Lui vive in noi e noi in Lui…. anche noi risorgeremo! Se sei cristiano, CORAGGIO, sull’esempio di Paolo, non perdere MAI la speranza!!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteBenedizione per le coppie gay? E’ la proposta dei vescovi austriaci
Articolo successivoQuei marxisti atei contro la dittatura arcobaleno
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.