Amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano

pixabay

15 GIUGNO 2021

MARTEDÌ DELLA XI SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO DISPARI)

Santa Germana Cousin, Vergine

Mt 5,43-48

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Avete inteso che fu detto: “Amerai il tuo prossimo” e odierai il tuo nemico. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti.

Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani?

Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste».

Commento:

Ancora sull’amore al prossimo, Nostro Signore continua ad istruirci con la sua Parola Divina: bisogna essere perfetti come è perfetto il Padre celeste.

***

Di nuovo magnanimità. È necessario perdonare e desiderare il bene dei propri nemici, perché dobbiamo avere nel cuore lo stesso amore del Padre “che fa piovere sui giusti e sugli ingiusti”. Per essere somiglianti al Padre dobbiamo avere un atteggiamento educato – salutare tutti senza eccezione – e amare anche quelli che non ci amano.

Tale magnanimità la mise in pratica anzitutto il Signore stesso concedendo il perdono ai suoi uccisori. Sulla stessa scia abbiamo Santo Stefano e migliaia di martiri, che hanno concesso il loro perdono a chi gli causava sofferenza e morte.

Imitiamo il Signore e i santi. Cerchiamo più di amare che di essere amati, più di consolare che di essere consolati, più di dare che di ricevere, poiché è dando che si riceve, amando che si è amati e morendo che si risuscita per la vita eterna.

Leggi di più:  "Amerai il tuo prossimo come te stesso". Non c'è altro comandamento più grande di questi»