“Amico, come mai sei entrato senza l’abito nuziale”

illustrazioni Vangelo Cristian Nencioni

20/08/2020
✝ VANGELO MATTEO 22,1-14

In quel tempo, Gesù, riprese a parlare loro con parabole [ai capi dei sacerdoti e ai farisei] e disse:

«Il regno dei cieli è simile a un re, che fece una festa di nozze per suo figlio. Egli mandò i suoi servi a chiamare gli invitati alle nozze, ma questi non volevano venire.

Mandò di nuovo altri servi con quest’ordine: “Dite agli invitati: Ecco, ho preparato il mio pranzo; i miei buoi e gli animali ingrassati sono già uccisi e tutto è pronto; venite alle nozze!”. Ma quelli non se ne curarono e andarono chi al proprio campo, chi ai propri affari; altri poi presero i suoi servi, li insultarono e li uccisero. Allora il re si indignò: mandò le sue truppe, fece uccidere quegli assassini e diede alle fiamme la loro città.

Poi disse ai suoi servi: “La festa di nozze è pronta, ma gli invitati non erano degni; andate ora ai crocicchi delle strade e tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze”. Usciti per le strade, quei servi radunarono tutti quelli che trovarono, cattivi e buoni, e la sala delle nozze si riempì di commensali.

Il re entrò per vedere i commensali e lì scorse un uomo che non indossava l’abito nuziale. Gli disse: “Amico, come mai sei entrato qui senza l’abito nuziale?”. Quello ammutolì. Allora il re ordinò ai servi: “Legatelo mani e piedi e gettatelo fuori nelle tenebre; là sarà pianto e stridore di denti”.

Perché molti sono chiamati, ma pochi eletti».

Parola del Signore

 🕯SCINTILLA DI LUCE
20/08/2020 Matteo 22,1-14

“Amico, come mai sei entrato senza l’abito nuziale”.

🔥Ad entrare nel Regno di Dio siamo chiamati tutti: buoni e cattivi, perfetti e non perfetti. “Il Signore ci radunerà da ogni terra, ci prenderà dalle Nazioni”, così dice il profeta Ezechiele (Ez 36,23-28). Dio offre la salvezza a tutti, ma non tutti l’accettano. È un invito chiaro ed insistente quello del Signore…come il re della Parola di oggi. Il Signore non si rassegna! Sta scritto che “il re, dopo il rifiuto dei primi invitati… poiché era tutto pronto….invita altri. Lo stesso fa il Signore con noi, non smette mai di invitare perché è tutto pronto: la salvezza è già tra noi in Gesù (Messa, confessione…) Il Signore ci ha preparato un gran banchetto, una “gran festa di conversione”, dove non solo c’è gioia e buon cibo ( Lui stesso), ma c’è anche un “dono”.

Leggi di più:  Scintilla di luce della Parola

Invece di pretenderlo dall’invitato, il Signore che invita, ci dà Lui un dono: “un cuore nuovo”. Possiamo andare a questo banchetto tutti: perché è gratuito. Il Signore invita e non pretende nulla, solo una cosa: chi accetta, deve avere l’abito a festa, perché Lui ha preparato un banchetto di nozze dove lo Sposo è Lui e noi siamo “la Sposa”..,. è un banchetto importante! Il banchetto è sempre aperto, quindi possiamo andare da Lui in qualsiasi momento… ma una volta che abbiamo deciso di andare, andiamo senza mancanza di rispetto, ma “sinceramente e coerentemente”. Per me l’abito è la FEDE (o quantomeno il desiderio sincero di averla), concretizzata dalle opere. Non si prende in giro il Signore! Una Sposa seria va alle nozze con il proprio sposo senza amarlo e rispettarlo? Un invitato, va ad una festa senza stimare o conoscere il festeggiato?…..e si presenta forse sporco e a mani vuote?. Fratelli, come viviamo la nostra vita all’interno della Chiesa? Com’è il nostro rapporto con il Signore? Rispettoso e sincero o superficiale e opportunistico? Se decidiamo di andare dal Signore, purifichiamo il cuore e le nostre intenzioni (confessione).

Portiamo a Lui in dono il nostro cuore, la nostra volontà e la nostra vita… e sarà festa grande…una festa che non finisce mai perché capiremo che è Lui per primo ad averci fatto dono di un cuore nuovo, una vita nuova….dove la gioia della festa è perenne!! Tu che non accetti, non sai cosa ti perdi! Coraggio deciditi, vai!…. Ma non dimenticare “l’abito”.
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedente3 Minuti di Catechismo – 43 Cosa sono i sette vizi capitali?
Articolo successivoLe gioie del vero cristiano?! Le beatitudini
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.