“Andrò a baciare mio padre e mia madre, poi ti seguirò”

Illustrazioni Vangelo Cristian Nencioni

13/06/2020
✝DAL PRIMO LIBRO DEI RE 19,19-21

In quei giorni, Elìa, [disceso dal monte di Dio, l’Oreb] trovò Elisèo, figlio di Safat. Costui arava con dodici paia di buoi davanti a sé, mentre egli stesso guidava il dodicesimo.
Elìa, passandogli vicino, gli gettò addosso il suo mantello. Quello lasciò i buoi e corse dietro a Elìa, dicendogli: «Andrò a baciare mio padre e mia madre, poi ti seguirò». Elìa disse: «Va’ e torna, perché sai che cosa ho fatto per te».
Allontanatosi da lui, Elisèo prese un paio di buoi e li uccise; con la legna del giogo dei buoi fece cuocere la carne e la diede al popolo, perché la mangiasse. Quindi si alzò e seguì Elìa, entrando al suo servizio.

Parola di Dio

 🕯SCINTILLA DI LUCE
13/06/2020 Dal primo libro dei Re 19, 19- 21

“Andrò a baciare mio padre e mia madre, poi ti seguirò”.

🔥Oggi il tema su cui meditare è “la vocazione”. Elia, disceso dall’Oreb, il monte in cui ha incontrato Dio, trova Eliseo, e passandogli vicino, gli getta addosso il suo mantello. Subito Eliseo sente la chiamata di Dio e “improvvisamente” va a salutare i suoi genitori e poi, senza pensarci, decide di seguirlo. Eliseo viene scelto direttamente ed improvvisamente da Dio, al di fuori di qualsiasi preparazione tecnica o teologica. Anche ai nostri giorni può accadere questo, ed è successo proprio a me. Per anni ho sognato di fare l’avvocato, ma all’improvviso sento la chiamata e decido di servire il Signore con gli ammalati, scegliendo di fare l’infermiera missionaria. Dopo la maturità tecnico- commerciale, avevo tre proposte di lavoro concrete “a tempo indeterminato”, ma in cuor mio sento la chiamata a fare un “salto nel buio” e, ignorando la certezza del lavoro a tempo indeterminato, inizio a studiare per diventare infermiera.

Leggi di più:  «Giovanni è il suo nome». Tutti furono meravigliati

Custodivo tuttavia ancora nel cuore il sogno di una famiglia e nei miei anni di studio in infermieristica, sento la chiamata al matrimonio e ad essere “Missionaria infermiera”…ma nel mio ambiente. Realizzo così il sogno di essere moglie, mamma ed infermiera. Oggi, dopo 24 anni di matrimonio e di lavoro, affermo che, camminando con Dio, sono felice, con Lui non mi è mai mancato nulla. Quanti impiegati, dopo tanti anni di studio, sentono improvvisamente la chiamata di Dio a diventare Sacerdoti, frati o suore di clausura! Si sceglie “con coraggio e con una gioia soprannaturale”. Il Signore sceglie liberamente chi vuole e quando vuole. Se la vocazione venisse dall’uomo, allora sarebbe una professione qualsiasi che qualche volta delude, ma quando l’iniziativa è di Dio, è un’avventura inconcepibile da parte dell’uomo…. si sente “con gioia e forza” di andare, di seguire Dio.. anche senza sapere dove si va. Quando si sente la CHIAMATA, non si guarda al cammino che si fa, ma si guarda con gioia solo a Dio di cui ci si fida e, come Eliseo, si lascia tutto e si segue Dio.

Cosa ci dà la certezza di avere scelto bene? Dio stesso ci dà la certezza: se siamo uniti a Lui in preghiera, sentiamo pace, gioia e forza nell’affrontare ogni difficoltà, ogni ostacolo. Quello è il segno, perché Dio vuole bene ai Suoi figli, “non costringe” ma chiama nella libertà e, lo ripeto ancora, Dio chiama nella gioia!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedentePreghiera a Sant’Antonio per ottenere qualche grazia speciale
Articolo successivoRidere e riflettere sulla vita: l’eredità di Alberto Sordi nel suo centenario
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.