Arriva la smentita del Vaticano sulle dichiarazioni di Papa Francesco riguardo le unioni civili

Da una nota esplicativa della Santa Sede si legge che le dichiarazioni di Papa Francesco andate in onda nel nel documentario di Evgeny Afineevsky, sono state estrapolate da un contesto diverso: niente cambio di dottrina!

Il 21 ottobre alla festa del Cinema di Roma è stato mandato in onda il documentario Evgeny Afineevsky intitolato “Francesco” dedicato al nostro Papa, da quel giorno c’è stato un grosso polverone e i fedeli si sono divisi tra chi “difendeva” il Pontefice e chi lo accusava di aver favorito le unioni dello stesso sesso.

Secondo ciò che era stato riportato due settimane fa, il Papa aveva detto: “Gli omosessuali hanno diritto di essere in una famiglia. Sono figli di Dio e hanno il diritto a una famiglia”. E poi: “Ciò che dobbiamo creare è una legge sulle unioni civili. In questo modo, gli omosessuali godrebbero di una copertura legale”.

Ufficialmente il Vaticano ha smentito qualsiasi apertura della dottrina della Chiesa cattolica a proposito delle unioni lgbt+, la Segreteria di stato vaticana ha inviato una nota esplicativa ai suoi ambasciatori, da inoltrare ai vescovi (il nunzio apostolico in Messico Franco Coppola l’ha postata anche sul suo profilo Facebook): la frase pronunciata da papa Francesco nel lungometraggio di Afineevsky sarebbe stata ottenuta unendo due citazioni diverse in risposta a domande separate, decontestualizzando quindi completamente le parole del pontefice. 

Il Vaticano fa sapere che la citazione del Papa quella di “essere in una famiglia”, vuol dire essere accettati nella propria famiglia di origine e non di formarne un’altra.

 

 

Leggi di più:  Angelus "Mediterraneo,come frontiera di pace"

1 commento

  1. … il problema è che Bergoglio non doveva nemmeno parlare di omosessualità,ma rimandare l’interlocutore al catechismo, invece parlando a braccio,si presta a facili strumentalizzazioni! … comunque siamo tutti “creature”di Dio,ma FIGLI DI DIO,sono solo i battezzati che nonostante le fragilità,si sforzano di ubbidire ai precetti della chiesa!!!

Comments are closed.