“Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in Lui”.

https://cristiannencioniarts.altervista.org

 01/05/2020
✝ VANGELO GIOVANNI 6,52-59

In quel tempo, i Giudei si misero a discutere aspramente fra loro: «Come può costui darci la sua carne da mangiare?». Gesù disse loro: «In verità, in verità io vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui. Come il Padre, che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia me vivrà per me. Questo è il pane disceso dal cielo; non è come quello che mangiarono i padri e morirono. Chi mangia questo pane vivrà in eterno». Gesù disse queste cose, insegnando nella sinagoga a Cafàrnao.

Parola del Signore.

 🕯SCINTILLA DI LUCE
01/05/2020 Giovanni 6, 52- 59

“Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in Lui”.

🔥 Nell’Eucaristia, Gesù è VIVO. L’ Ostia consacrata… “esternamente” è pane, ma nella realtà, in sostanza, è realmente Gesù. Sembrano illogiche le Parole di Gesù, ma non lo sono. Non ci viene chiesto di essere “cannibali” mangiando la carne di un uomo e bevendo il sangue umano…perché non lo faremmo mai, eppure quando facciamo la Comunione sacramentalmente, accade realmente che noi mangiamo la carne di Gesù nell’Ostia consacrata, e beviamo il sangue di Gesù nel vino. L’Ostia consacrata infatti è segno di una realtà invisibile che ci salva. GESÙ veramente ci salva, anche se per qualcuno, crederci può apparire impossibile, come impossibile può sembrare che dietro un bambino debole e fragile si nasconda l’Onnipotente, il Salvatore dell’umanità! È un’ onnipotenza manifestata non con la prepotenza, ma nell’umiltà, nella mitezza, nella giustizia e nell’obbedienza al padre terreno: San Giuseppe… e al Padre Celeste: Dio.

Leggi di più:  "Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità"

Gesù ha obbedito infatti a San Giuseppe, lavorando come falegname, e a Dio, morendo in croce e RISORGENDO. Sull’esempio di Gesù, obbediamo anche noi! Coraggio, non ci scoraggiamo se non possiamo fare la comunione “sacramentalmente” per il momento a causa della pandemia…. “SPIRITUALMENTE Gesù viene in noi ugualmente e RIMANE in noi”. RIMANENDO in noi, porta ugualmente i frutti spirituali che Dio vuole darci. È Gesù stesso che infatti dice: “Io sono la vite e voi i tralci… rimanete in me… perché senza di me non potete far nulla!”. Come si rimane in Gesù, e come Lui rimane in noi? PREGANDO, “MANGIANDO” il Suo corpo durante la Santa Messa, ASCOLTANDO la Parola e VIVENDOLA, e poi ancora si rimane in Lui e Lui in noi “QUANDO AMIAMO e PERDONIAMO”. Io credo infatti che se rifiutiamo la preghiera, i Sacramenti e il comandamento DELL’AMARE Dio e i fratelli…noi non rimaniamo in Gesù, anche se Lui, da battezzati, rimane in noi, e non godremo quindi dei frutti che Gesù ci vuol dare!! La posta in gioco è troppo alta cari fratelli, ATTENZIONE!!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteLibertà religiosa: petizione per la conferma di Ján Figeľ come inviato per l’Unione Europea
Articolo successivoSan Giuseppe, Il Patrono dei Lavoratori
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.