“Chiunque fa la volontà del Padre mio che è nei cieli, egli è per me fratello, sorella e madre”

Illustrazioni Vangelo Cristian Nencioni

21/07/2020
✝ VANGELO MATTEO 12,46-50

In quel tempo, mentre Gesù parlava ancora alla folla, ecco, sua madre e i suoi fratelli stavano fuori e cercavano di parlargli.

Qualcuno gli disse: «Ecco, tua madre e i tuoi fratelli stanno fuori e cercano di parlarti».

Ed egli, rispondendo a chi gli parlava, disse: «Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?».

Poi, tendendo la mano verso i suoi discepoli, disse: «Ecco mia madre e i miei fratelli! Perché chiunque fa la volontà del Padre mio che è nei cieli, egli è per me fratello, sorella e madre».

Parola del Signore

 🕯SCINTILLA DI LUCE
21/07/2020 Matteo 12, 46-50

“Chiunque fa la volontà del Padre mio che è nei cieli, egli è per me fratello, sorella e madre”

🔥Gesù parla alla folla per attirarla a sé e per salvarla, è la Sua missione! Viene interrotto nel Suo insegnamento perché gli dicono che “sua Madre e i suoi parenti stavano fuori e cercavano di parlargli”, ma Gesù continua nel suo intendo cogliendo l’occasione per chiarire….deve fondare una “Nuova Umanità” su cui si basa il Regno di Dio. Quindi risponde a chi gli parlava: “Chiunque fa la volontà del Padre mio che è nei cieli, questi è per me fratello, sorella e madre”. Non vuol far certo torto a Sua Madre, né ai Suoi parenti, vuol solo indirizzarci all’Unità Vera con il Padre… quella che già Maria e probabilmente anche i Suoi parenti, avevano: VIVERE nella volontà di Dio!

Questa è la VIA per santificarci, perché nella volontà di Dio, sentiamo il Suo Amore che respinge ogni scoraggiamento. Il peccato a volte può scoraggiare infatti, vuol far credere di non essere più amati da Dio perché peccatori… Non è così!! La dignità dell’uomo non proviene dal “posto sociale” che si occupa, o dal grado di parentela, né dai soldi, né dagli studi fatti, né tantomeno dalla carriera avviata…tutto ciò ha un valore relativo. Il fondamento della dignità dell’uomo è solo Dio che ama OGNI SUO FIGLIO: quest’Amore rende Divino OGNI UOMO, per cui agli occhi di Dio non ci sono “figli di serie A” o di “serie B”. La dignità dell’uomo proviene dell’essere amato da Dio! Nessun reato, nessun peccato, anche grave, ci fa perdere la dignità! Dio ama tutti, accoglie ogni figlio come il Padre del figliol prodigo…. È l’uomo che, “distaccandosi dalla volontà di Dio”, perde l’orientamento santo e i benefici di grazia di cui si può godere: pace, gioia, forza, protezione… Questo distacco, fa sì che l’uomo “erroneamente” a volte, crede di aver perso la dignità. L’uomo, in quanto “Tempio dello Spirito Santo”, con il Battesimo, acquisisce la dignità che nessun peccato cancellerà MAI. Anche il peccato grave, quello contro lo Spirito Santo, vero è che produce la morte spirituale dell’uomo, ma Dio continua ad amare chi lo commette…

Leggi di più:  Scintilla di luce della Parola

Dio attende l’uomo, e se ritorna, pentendosi e confessandosi fa festa! Attenzione inoltre fratelli che la dignità non proviene neanche dalle virtù o dal bene che si fa… lo ripeto: la dignità proviene dall’essere amato da Dio e Dio ama SEMPRE tutti i Suoi figli. Apriamoci alla dignità dei figli di Dio…amati da Dio! Quando ci sentiamo amati da Dio, sarà più semplice mettere in pratica la Sua Volontà e quando lo facciamo…. “ci sentiremo” anche parenti di Gesù.
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedente3 Minuti di Catechismo – 19 Cosa c’è nelle immagini della Santa Trinità?
Articolo successivoLa testimonianza di una teologa che ha vissuto con i rom
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.