“Chiunque vive e crede in me, non morirà in eterno”

Illustrazioni Vangelo Cristian Nencioni

 29/07/2020
✝ VANGELO GIOVANNI 11,19-27

In quel tempo, molti Giudei erano venuti da Marta e Maria a consolarle per il fratello. Marta dunque, come udì che veniva Gesù, gli andò incontro; Maria invece stava seduta in casa. Marta disse a Gesù: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto! Ma anche ora so che qualunque cosa tu chiederai a Dio, Dio te la concederà». Gesù le disse: «Tuo fratello risorgerà». Gli rispose Marta: «So che risorgerà nella risurrezione dell’ultimo giorno». Gesù le disse: «Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà; chiunque vive e crede in me, non morirà in eterno. Credi questo?». Gli rispose: «Sì, o Signore, io credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio, colui che viene nel mondo».

Parola del Signore.

 🕯SCINTILLA DI LUCE
29/07/2020 Giovanni 11,19 -27

“Chiunque vive e crede in me, non morirà in eterno”.

🔥Almeno una volta nella vita, vi è mai capitato di avere, in preghiera, un dialogo così forte, “diretto” tra voi e Gesù, come quello di Marta? A me sì. Riflettiamo insieme: Marta parte dalla realtà, ma poi sviluppa una relazione che la porterà a dare una risposta precisa a Gesù. Davanti a circostanze difficili: malattie gravi, problemi irrisolvibili, decisioni difficili da prendere….si vive una realtà che ci porta a rivolgerci a Gesù. Con Lui dialoghiamo, ci apriamo, ci sfoghiamo… magari a Lui gridiamo piangendo (anche questa è preghiera), ma poi ci ritroviamo in un bivio di Fede: crediamo che Gesù ci abbia ascoltato ed esaudito o non crediamo?

Possiamo passare ore, giorni, settimane in preghiera, ma a volte, per essere esauditi, basta solo uno sguardo a Gesù in silenzio, mentre gli diciamo cuore a cuore: “Io credo in te Gesù”….e veniamo esauditi. L’efficacia della nostra preghiera non si nasconde nelle Parole, nelle lacrime, nella durata della preghiera, ma nella risposta nostra a questo interrogativo che Gesù, oggi, attraverso questa Parola, a tutti rivolge: “Credi questo?”. Crediamo, cioè, che Gesù è la Risurrezione e la Vita, e che, se crediamo in Lui, non moriremo, ma vivremo eternamente? Io testimonio che davanti a situazioni impossibili, ho creduto e ho avuto tanti, anzi tantissimi, miracoli.

Leggi di più:  "Il buon pastore dà la propria vita per le pecore"

Guardiamo spesso al Suo Volto Santo, guardiamo i Suoi occhi mentre ci guardano e diciamogli: “Gesù confido in te, fa che io creda….”. Vedrete come cambia in noi la fede e il modo di pregare! Così è cambiata la mia fede. Fa tutto Lui! Non servono tante parole in preghiera, occorre credere in Gesù!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteCosa nasconde il ddl Zan Scalfarotto Restiamo liberi! Ne parliamo con Jacopo Coghe
Articolo successivoFrancesca Parisi, da “mangia preti” ad evangelizzatrice dell’amore di Dio sul web
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.