“Come dirai al tuo fratello: “Lascia che tolga la pagliuzza dal tuo occhio”, mentre nel tuo occhio c’è la trave?”

Illustrazioni Vangelo Cristian Nencioni

22/06/2020
✝ VANGELO MATTEO 7,1-5

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Non giudicate, per non essere giudicati; perché con il giudizio con il quale giudicate sarete giudicati voi e con la misura con la quale misurate sarà misurato a voi.
Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello, e non ti accorgi della trave che è nel tuo occhio? O come dirai al tuo fratello: “Lascia che tolga la pagliuzza dal tuo occhio”, mentre nel tuo occhio c’è la trave? Ipocrita! Togli prima la trave dal tuo occhio e allora ci vedrai bene per togliere la pagliuzza dall’occhio del tuo fratello».

Parola del Signore

🕯SCINTILLA DI LUCE
22/06/2020 Matteo 7,1-5

“Come dirai al tuo fratello: “Lascia che tolga la pagliuzza dal tuo occhio”, mentre nel tuo occhio c’è la trave?”.

🔥Il Signore oggi faccia cadere le cataratte dai nostri occhi, perché queste ci fanno vedere male i fratelli…ci fanno vedere solo il male e i peccati in loro, e non il bene, ma soprattutto non ci fanno vedere ciò che c’è in noi! Chi sono io per poter giudicare chi ho davanti? La superbia ha conseguenze spirituali GRAVI nella nostra vita, è devastante spiritualmente! Combattiamo la superbia con l’umiltà che ci porta Maria, che ci porta San Giuseppe e tanti altri Santi. Come ci rivolgiamo ai fratelli? Evidenziamo spesso i loro peccati, mentre i nostri sono forse più grandi. Invochiamo lo Spirito Santo che è luce e ci fa guardare bene dentro di noi! Invochiamo lo Spirito Santo che è Divina Sapienza e ci guiderà alla confessione, poi, con cuore puro, avremo la giusta CARITÀ per parlare ai fratelli, per educarli al bene, per indirizzarli alla conversione. È Dio il giusto giudice, noi non giudichiamo MAI…solo indirizziamo a Dio, indichiamo la via.

Leggi di più:  "È vicino a voi il regno di Dio"

Ricordiamoci che siamo SERVI e non giudici e padroni… ma servi, e spesso con peccati di cui solo Gesù ci potrà “sacramentalmente liberare.” Non giudichiamo e non permettiamo che il giudizio IMPROPRIO di altri ci scoraggi! Coraggio fratelli, camminiamo insieme verso la Santità e ricordiamoci che in questo percorso, il GIUDIZIO è una trave che ci fa spesso inciampare! Prima di “togliere la pagliuzza” negli altri, verifichiamo se in noi c’è una “trave”. L’umiltà per me è il “collirio” ideale che cura ogni cataratta!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteL’Adorazione Eucaristica che illumina il mondo
Articolo successivoAndate a Medjugorje, toccate quella terra, e lasciatevi travolgere il cuore
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.