Come infatti Giona rimase tre giorni e tre notti nel ventre del pesce, così il figlio dell’uomo resterà tre giorni e tre notti nel cuore della terra

Illustrazioni Vangelo Cristian Nencioni

20/07/2020
✝VANGELO MATTEO 12,38-42

In quel tempo, alcuni scribi e farisei dissero a Gesù: «Maestro, da te vogliamo vedere un segno».
Ed egli rispose loro: «Una generazione malvagia e adultera pretende un segno! Ma non le sarà dato alcun segno, se non il segno di Giona il profeta. Come infatti Giona rimase tre giorni e tre notti nel ventre del pesce, così il Figlio dell’uomo resterà tre giorni e tre notti nel cuore della terra.
Nel giorno del giudizio, quelli di Nìnive si alzeranno contro questa generazione e la condanneranno, perché essi alla predicazione di Giona si convertirono. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Giona! Nel giorno del giudizio, la regina del Sud si alzerà contro questa generazione e la condannerà, perché ella venne dagli estremi confini della terra per ascoltare la sapienza di Salomone. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Salomone!».

Parola del Signore

 🕯SCINTILLA DI LUCE
20/07/2020 Matteo 12,38-42

“Come infatti Giona rimase tre giorni e tre notti nel ventre del pesce, così il figlio dell’uomo resterà tre giorni e tre notti nel cuore della terra”.

🔥In quel tempo, alcuni scribi e farisei chiesero a Gesù un segno. Ancora oggi, in tante circostanze di vita, la nostra generazione chiede un segno. Ma quale prova Gesù dà a coloro che vogliono un segno? Gesù risponde che non darà alcun segno, se non quello di Giona, e poi parla di tre giorni e tre notti, senza però pronunciare la parola Risurrezione. Cosa ci vuol dire Gesù? Giona esprime la nostra umanità che fugge spesso da Dio. È un profeta inviato a predicare a Ninive dove c’è tanto male e lui risponde, giudicandoli, che non ci vuole andare. Fugge ma c’è una tempesta, i marinai lo buttano giù dalla barca, così Giona trascorre tre giorni e tre notti dentro un pesce che poi miracolosamente lo vomita vivo sulla spiaggia. Giona nel grande cetaceo avrà pregato, si sarà pentito, si sarà convertito…. Chissà come avrà pregato in quel momento…e Dio l’ha ascoltato!

Leggi di più:  Scintilla di luce della Parola

Anche Gesù si è abbandonato a Dio, ha provato nel Getsemani paura, ha cercato anche lui di fuggire alla crocifissione, ma poi ha detto a Dio: “Si compia la tua volontà Padre” e dalla Croce… spirando… ha compiuto la Sua Missione di salvezza. Tre giorni e tre notti ed è risorto. Il segno permanente ed eterno che viene dato a tutti noi è il segno di Gesù Risorto! La vita di Gesù Risorto splende dentro ogni nostra vocazione quando la viviamo con Lui! Diamo la nostra vita a Gesù, preghiamolo, “sempre e soprattutto” nel bisogno, come l’avrà pregato Giona e resteremo VIVI. La nostra Missione, la vocazione a volte ci spaventa e vorremmo fuggire anche noi….ma cerchiamo di non rischiare di annegare come Giona. Invochiamo subito il Padre e UNIAMOCI alla volontà del PADRE.

Solo così vivremo sempre da figli della Risurrezione e saremo SEGNO di Risurrezione e di Vittoria contro ogni sofferenza e morte… in ogni ambito di vita!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedente3 Minuti di Catechismo – 18 Come possiamo capire la Trinità?
Articolo successivoCome si fa a riconoscere una persona posseduta dal demonio?
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.