Come rendere omaggio ai santi di questo mese di aprile dalle nostre case

pixabay

Alcune idee per portare avanti la gioia della Pasqua e venerare i santi.

Tutti i mesi siamo inondati da ricorrenze che riguardano i santi, anche nel mese di aprile festeggiamo santi più o meno noti. Sappiamo bene che i santi sono da prendere come modelli da seguire per essere sempre più vicini a Dio e imparare da loro l’umiltà e l’obbedienza alla volontà di Dio.

Tra i vari santi di questo mese di aprile ve ne sono 2 da poter segnare in particolare nella propria agenda e dai quali poter trarre qualche idea per festeggiarli in casa.

San Marco (25 aprile)

San Marco evangelista è l’autore del primo Vangelo ed è noto per aver scritto in maniera breve e coincisa il messaggio della Buona Novella, il suo simbolo è il “leone” da lui potremmo trarre quest’esempio: essere dei leoni nella fede!

Imitando la forza di San Marco potremmo scrivere un messaggio, fare una telefonata ai nostri cari incoraggiandoli e trasmettendo loro la speranza in Dio. Poi potremmo trovare un modo nuovo di evangelizzare, mettendo una statua ben visibile davanti la propria porta di casa o usare un crocefisso e semplicemente dicendo a qualcuno “Dio ti benedica” durante la giornata.

Santa Caterina da Siena (29 aprile)

Santa Caterina da Siena è una dei grandi dottori della Chiesa, era una Domenicana del Terz’ordine che a differenza di altre, pregava a casa propria e non in convento.

Sull’esempio di santa Caterina da Siena, potremmo creare uno spazio tutto nostro di preghiera nella nostra casa e se già ce ne uno, potremmo aggiungere qualche dettaglio in più: una preghiera stampata, un supporto creativo per riporvi un rosario nostro, qualche icona sacra e qualche libro spirituale.

Leggi di più:  Santa Maria Elisabetta Hesselblad : Ex luterana convertita al cattolicesimo

Questo è ciò che santa Caterina ha scritto: “Costruitevi una cellula spirituale da poter sempre portare con voi, e che è la cellula della conoscenza di sé; vi troverete anche la conoscenza della bontà di Dio nei vostri confronti. In realtà, esistono due cellule in una, e se vivete in una dovete vivere anche nell’altra, altrimenti l’anima si dispererà o sarà presuntuosa. Se viveste solo nella conoscenza di voi stessi vi disperereste, se viveste solo nella conoscenza di Dio sareste tentati di presunzione. Una cosa deve procedere di pari passo con l’altra, e così raggiungerete la perfezione”.

I santi sono dei generatori di buoni propositi, buone idee e ispirazioni da potere attuare nella vita di tutti i giorni. Da loro possiamo trarre molti esempi che creino giovamento alla nostra anima e alla nostra vita spirituale.

Fonte. Gaudium Press di Rita Sberna