“Così anche la resurrezione dei morti: è seminato nella corruzione, risorge nell’incorruttibilità”

Illustrazioni Vangelo Cristian Nencioni

 19/09/2020
✝ DALLA PRIMA LETTERA DI SAN PAOLO APOSTOLO AI CORINZI 15,35-37.42-49

Fratelli, qualcuno dirà: «Come risorgono i morti? Con quale corpo verranno?». Stolto! Ciò che tu semini non prende vita, se prima non muore. Quanto a ciò che semini, non semini il corpo che nascerà, ma un semplice chicco di grano o di altro genere. Così anche la risurrezione dei morti: è seminato nella corruzione, risorge nell’incorruttibilità; è seminato nella miseria, risorge nella gloria; è seminato nella debolezza, risorge nella potenza; è seminato corpo animale, risorge corpo spirituale.

Se c’è un corpo animale, vi è anche un corpo spirituale. Sta scritto infatti che il primo uomo, Adamo, divenne un essere vivente, ma l’ultimo Adamo divenne spirito datore di vita. Non vi fu prima il corpo spirituale, ma quello animale, e poi lo spirituale. Il primo uomo, tratto dalla terra, è fatto di terra; il secondo uomo viene dal cielo. Come è l’uomo terreno, così sono quelli di terra; e come è l’uomo celeste, così anche i celesti. E come eravamo simili all’uomo terreno, così saremo simili all’uomo celeste.

Parola di Dio

🕯SCINTILLA DI LUCE
19/09/2020 Dalla Prima Lettera di San Paolo Apostolo ai Corinzi 15, 35-37. 42-49

“Così anche la resurrezione dei morti: è seminato nella corruzione, risorge nell’incorruttibilità; è seminato nella miseria, risorge nella gloria….

🔥Come il chicco di grano, che se non muore non porta frutto, così anche noi, per poter portare frutto, dobbiamo morire all’uomo vecchio, alla carne, ai vizi, al male, all’ingiustizia, alla corruzione, alla miseria.. ad ogni forma di peccato , per far conoscere, o meglio per fare RISORGERE l’uomo spirituale, l’uomo celeste…. come Gesù. Finché siamo su questa terra, siamo simili ad Adamo che è fatto con la terra. Quando, invece, apparterremo al cielo, saremo simili a Cristo che è venuto dal cielo e al cielo è Asceso. Nella risurrezione dei morti, anche il corpo sarà investito dallo Spirito e diventerà spirituale, docile a Lui ed immerso in Lui. Il nostro corpo di “carne e sangue” non può far parte del Regno di Dio e ciò che muore si rivestirà, per grazia di Dio e per i meriti di Gesù Cristo, di una vita che non si corrompe più. Non avremo più, dunque, un corpo come questo che abbiamo adesso, ma avremo “un corpo risorto.” Come il chicco di grano che si butta nel terreno, così si getta nella terra un corpo mortale per poi risorgere immortale; si getta nella terra, muore cioè….ma “risorge glorioso” un corpo morto: povero, malato, distrutto dai vizi o forse (e non fa la differenza) curato se è vissuto nella ricchezza, nel potere….; si getta nella terra un corpo di carne e risorge spirituale!

Leggi di più:  Scintilla di luce della Parola

Se crediamo in Gesù Cristo, risorgeremo in Lui e quel che è stato è stato. Tutto lasceremo su questa terra, la vera vita è quella eterna! Impariamo a morire pur essendo nella carne, cioè allontaniamoci già su questa terra dagli idoli della carne e sentiremo già qui il profumo di eternità che diventerà la nostra dimora eterna! Con la morte terrena non finisce tutto, la vita cambia e continua. In Cristo e con Cristo non si muore MAI! Lo ripeto: se si muore alla carne, “ciascuno, riesce a portar molto frutto” come il chicco di grano seminato….! Ma come per il chicco , se vogliamo vedere i frutti lo irrighiamo, cosi
ricordiamoci di “IRRIGARE” la nostra vita con la Preghiera.
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteSULLA VIA DI DAMASCO: “LA SCOMMESSA SUI GIOVANI”
Articolo successivoSiamo il “sale della terra”… ma un po’ di miele non guasta mai!
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.