Don Mario Pieracci: “Medjugorje e la vita eterna”

Don Mario Pieracci: “Medjugorje e la vita eterna”

Don Mario Pieracci è sacerdote a Roma presso la Chiesa Oratorio dell’Angelo Custode.
E’ collaboratore Rai, spesso ospite di programmi televisivi come ( La vita in diretta e Domenica In).
Viene richiesto con frequenza il suo intervento e pensiero da uomo di chiesa per le tematiche di cronaca attuali e per ciò che riguarda il sociale.
E’ stato direttore di Radio Fraternità;
Fondatore e direttore di Rete Blu- Radio Televisione;
Ideatore e conduttore del programma Tv “Cristianità” presso Rai International.
Molti di voi hanno avuto il piacere di conoscerlo personalmente in occasione della presentazione del mio primo libro “Medjugorje l’amore di Maria”.

Don Mario, durante la sua esperienza sacerdotale ha mai avuto difficoltà nel parlare della vita eterna con i cristiani, alcuni dei quali, non credono a ciò?
La mia esperienza sacerdotale di 35 anni di sacerdozio mi porta proprio a dire che non c’è difficoltà a parlare della vita eterna, si parla proprio di Dio ed è Lui la nostra vita eterna.
Parlare di Dio, vuol dire parlare di ciò che è eterno. Il nostro essere vivi è proprio grazie a Lui che è eternità e grazie al dono che Lui ci ha fatto. Ci ha donato Gesù Cristo che ci porta alla vita eterna.
La vita è amare Dio e godere di Dio.
L’universo enorme per come è, si dimostra essere limitato e piccolo invece, all’eternità che è di Dio.

Lei come spiegherebbe il mistero della “Morte” in termini cristiani?
La morte è semplicemente un passaggio, un cambiamento. Il cambiamento è indispensabile per noi cristiani. La vita non è questa!
Questa è la vita della prova, dei doni che Dio ci dà che sono una ricchezza enorme. Il dono della vita, il dono dell’anima e tanti doni che ognuno ha: i talenti e i doni dei sentimenti.
Perché è attraverso i sentimenti che possiamo capire l’amore di Dio.
La vera vita è quella con Dio. Noi siamo fatti a immagine e somiglianza di Dio nell’anima, e quest’anima con il corpo, merita la partecipazione al mistero di Dio eternità.
Questa è vita è un passaggio!

Leggi di più:  Frate Alessandro ‘Il tenore di Dio’

Lei è stato mai a Medjugorje?
Sono stato 27 volte a Medjugorje. Ci sono stato nei primissimi momenti, del primo anno di apparizioni. Quando ero parroco a Roviano, avevo fatto un gemellaggio con una parrocchia di Spalato. Un giorno andando a Spalato andammo con il pullman anche a Medjugorje. Ricordo la povertà, la Chiesa, i campi coltivati, la povera gente, i veggenti che ho conosciuto bambini.
Ho assistito alle varie apparizioni, sia quando avvenivano nella Cappella del Santissimo, o nella canonica o in chiesa.
Ho conosciuto Padre Jozo che è un dono di Dio.