“Dopo il fuoco, il sussurro di una brezza leggera”

Illustrazioni Vangelo Cristian Nencioni

12/06/2020
✝DAL PRIMO LIBRO DEI RE 19,9a.11-16

In quei giorni, [Elìa, giunto al monte di Dio, l’Oreb,] entrò in una caverna per passarvi la notte, quand’ecco gli fu rivolta la parola del Signore: « Esci e férmati sul monte alla presenza del Signore».
Ed ecco che il Signore passò. Ci fu un vento impetuoso e gagliardo da spaccare i monti e spezzare le rocce davanti al Signore, ma il Signore non era nel vento. Dopo il vento, un terremoto, ma il Signore non era nel terremoto. Dopo il terremoto, un fuoco, ma il Signore non era nel fuoco. Dopo il fuoco, il sussurro di una brezza leggera. Come l’udì, Elìa si coprì il volto con il mantello, uscì e si fermò all’ingresso della caverna.
Ed ecco, venne a lui una voce che gli diceva: «Che cosa fai qui, Elìa?». Egli rispose: «Sono pieno di zelo per il Signore, Dio degli eserciti, poiché gli Israeliti hanno abbandonato la tua alleanza, hanno demolito i tuoi altari, hanno ucciso di spada i tuoi profeti. Sono rimasto solo ed essi cercano di togliermi la vita».
Il Signore gli disse: «Su, ritorna sui tuoi passi verso il deserto di Damasco; giunto là, ungerai Cazaèl come re su Aram. Poi ungerai Ieu, figlio di Nimsì, come re su Israele e ungerai Elisèo, figlio di Safat, di Abel-Mecolà, come profeta al tuo posto».

Parola di Dio

 🕯SCINTILLA DI LUCE
12/06/2020 Dal primo libro dei Re 19,9 a. 11-16

“Dopo il fuoco, il sussurro di una brezza leggera”.

🔥Il profeta Elia ha atteso molto prima di poter parlare con Dio. Si è fermato sul monte, alla presenza del Signore, e ha visto il vento, il terremoto, il fuoco… ma lì Dio non c’era. Dio non ha parlato durante il vento impetuoso, e neanche nel terremoto che ha distrutto tutto ciò che ha colpito. Dio non è stato presente nel fuoco che ha bruciato tutto, ma si è rivelato nel delicato “sussurro della brezza”.

Leggi di più:  Scintilla di luce della Parola

Cosa ci vuol dire questo fratelli? Vuol dire che Dio lo incontriamo nel silenzio profondo, quando ci ritiriamo col nostro Signore nella “cella interiore” che c’è in noi, dove respiriamo pace, perfetta armonia di Amore tra noi e Dio, tra noi e i fratelli! Dio si fa trovare e ci parla nel silenzio perché quando c’è rumore, tempesta….lì c’è solo il nostro disperato grido e ci incontriamo solo con noi stessi. Quando, pur essendo nelle intemperie, noi facciamo silenzio in noi e apriamo il cuore, Dio si fa presente e ci parla, ci guida e ci libera. Cerchiamo di far placare ogni tempesta in noi e con fiducia, rivolgiamoci a Dio che è Padre e vuol parlare ai Suoi figli, più di quanto lo vogliamo noi! La preghiera è un incontro Vero tra noi e il Padre, e avviene nel “sussurro di una brezza leggera”. Dio non ci abbandona, ci ascolta e ci “risponde”…ma nel silenzio!

Se la nostra preghiera è un grido che fa più rumore dei nostri problemi, non riusciamo ad ascoltare Dio che ci vuol parlare. Dio è pace, Dio è “brezza leggera” che…. dopo averci parlato, a volte ci fa essere terremoto, vento e fuoco…ma di Amore Vero nel mondo! Il Signore non è né sordo, né muto, ma dà se stesso come soluzione ai nostri problemi. A volte non servono tante parole, può bastare stare alla Sua presenza mentre lo Adoriamo e lo benediciamo…e mentre lo guardiamo ci lasciamo guardare nel silenzio. È nel silenzio che Dio ci parla! Impariamo ad incontrarlo e con Lui ritorneremo, come Elia, nella nostra quotidianità ad affrontare tutto, ma con una Forza Nuova. Io se lo scrivo, è perché ci credo e perché l’ho sperimentato!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteProposta di legge Scalfarotto –Zan ne parliamo con mons Antonio Suetta
Articolo successivoViaggio nella cristianità moderna: San Luigi Orione
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.