“Ecco, io apro i vostri sepolcri, vi faccio uscire dalle vostre tombe, o popolo mio”

illustrazioni Vangelo Cristian Nencioni

21/08/2029
✝EZECHIELE 37,1-14

In quei giorni, la mano del Signore fu sopra di me e il Signore mi portò fuori in spirito e mi depose nella pianura che era piena di ossa; mi fece passare accanto a esse da ogni parte. Vidi che erano in grandissima quantità nella distesa della valle e tutte inaridite.
Mi disse: «Figlio dell’uomo, potranno queste ossa rivivere?». Io risposi: «Signore Dio, tu lo sai». Egli mi replicò: «Profetizza su queste ossa e annuncia loro: “Ossa inaridite, udite la parola del Signore. Così dice il Signore Dio a queste ossa: Ecco, io faccio entrare in voi lo spirito e rivivrete. Metterò su di voi i nervi e farò crescere su di voi la carne, su di voi stenderò la pelle e infonderò in voi lo spirito e rivivrete. Saprete che io sono il Signore”». Io profetizzai come mi era stato ordinato; mentre profetizzavo, sentii un rumore e vidi un movimento fra le ossa, che si accostavano l’uno all’altro, ciascuno al suo corrispondente. Guardai, ed ecco apparire sopra di esse i nervi; la carne cresceva e la pelle le ricopriva, ma non c’era spirito in loro.
Egli aggiunse: «Profetizza allo spirito, profetizza, figlio dell’uomo, e annuncia allo spirito: “Così dice il Signore Dio: Spirito, vieni dai quattro venti e soffia su questi morti, perché rivivano”». Io profetizzai come mi aveva comandato e lo spirito entrò in essi e ritornarono in vita e si alzarono in piedi; erano un esercito grande, sterminato.
Mi disse: «Figlio dell’uomo, queste ossa sono tutta la casa d’Israele. Ecco, essi vanno dicendo: “Le nostre ossa sono inaridite, la nostra speranza è svanita, noi siamo perduti”. Perciò profetizza e annuncia loro: “Così dice il Signore Dio: Ecco, io apro i vostri sepolcri, vi faccio uscire dalle vostre tombe, o popolo mio, e vi riconduco nella terra d’Israele. Riconoscerete che io sono il Signore, quando aprirò le vostre tombe e vi farò uscire dai vostri sepolcri, o popolo mio. Farò entrare in voi il mio spirito e rivivrete; vi farò riposare nella vostra terra. Saprete che io sono il Signore. L’ho detto e lo farò”». Oracolo del Signore Dio.

Leggi di più:  Scintilla di luce della Parola

Parola di Dio.

 🕯SCINTILLA DI LUCE
21/08/2020 Ezechiele 37, 1-14

“Ecco, io apro i vostri sepolcri, vi faccio uscire dalle vostre tombe, o popolo mio”.

🔥Sta scritto: “farò entrare in voi il Mio Spirito e rivivrete”. Io ci credo perché l’ho sperimentato. Lo Spirito Santo è già in noi dal Battesimo, è già VIVO e all’opera in noi.. I cadaveri a volte.. siamo noi, quando non si invoca lo Spirito Santo o non si crede che Esso è Potenza vivificante…quindi si rischia di rimanere “sepolcri imbiancati”, belli fuori ma sepolcri dentro! Io penso che per poter rimanere in vita, abbiamo bisogno di acqua, aria, cibo e luce. Dio, nel Mistero Trinitario, è la “Fonte di Acqua VIVA”. Dio, creatore dell’universo, è soffio di vita. Gesù è pane della vita che ci nutre e Luce del mondo che ci guida. Dal Battesimo, quando la Trinità è venuta in noi, abbiamo ricevuto tutto! Cosa ci manca? Perché allora siamo qualche volta tristi, insoddisfatti e vuoti? Cosa ci rende “ossa inaridite”? Io credo che sia la mancanza di preghiera (o la scarsa perseveranza) e il peccato. Il peccato infatti ci spegne, mentre l’amore ci accende.

Per esperienza lo dico! Se ci liberiamo dagli idoli, dai vizi, da ogni peccato…. se apriamo i nostri cuori e la nostra mente, invocando lo Spirito Santo che è Spirito d’Amore, sentiremo la liberazione dai nostri sepolcri; i frutti dello Spirito Santo (pace, pazienza, dominio di sé, benevolenza e mitezza Gal 5,22) ci ridaranno vita! Quando ci sentiamo “ossa inaridite”, preghiamo nello Spirito, invochiamo i sette doni, partecipiamo all’Eucaristia… e si apriranno i nostri sepolcri, sentiremo il desiderio di “uscire dalla tomba” dove ci porta il peccato Non scoraggiamoci però fratelli, a volte sentirci “ossa inaridite” può essere una grazia di Dio, perché sentirci prossimi alla “morte spirituale” ci fa desiderare di invocare la Vita, la Risurrezione. Se lo invochiamo, Gesù viene in noi, viene a liberarci perché Lui è medico delle nostre ferite… è Risurrezione e Vita…, è “Via, Verità e Vita”!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Leggi di più:  Scintilla di luce della Parola

Articolo precedente3 Minuti di Catechismo – 44 Che cos’è la confessione?
Articolo successivoPapa Francesco e la sua devozione a Santa Teresa di Gesù Bambino
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.