“Erano stupiti del suo insegnamento perché la sua parola aveva autorità”

Illustrazioni Vangelo Cristian Nencioni

 01/09/2020
✝ VANGELO LUCA 4,31-37

In quel tempo, Gesù scese a Cafàrnao, città della Galilea, e in giorno di sabato insegnava alla gente. Erano stupiti del suo insegnamento perché la sua parola aveva autorità.

Nella sinagoga c’era un uomo che era posseduto da un demonio impuro; cominciò a gridare forte: «Basta! Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? Io so chi tu sei: il santo di Dio!».

Gesù gli ordinò severamente: «Taci! Esci da lui!». E il demonio lo gettò a terra in mezzo alla gente e uscì da lui, senza fargli alcun male.
Tutti furono presi da timore e si dicevano l’un l’altro: «Che parola è mai questa, che comanda con autorità e potenza agli spiriti impuri ed essi se ne vanno?». E la sua fama si diffondeva in ogni luogo della regione circostante.

Parola del Signore

 🕯SCINTILLA DI LUCE
1/09/ 2020 Luca 4,31-37

“Erano stupiti del suo insegnamento perché la sua parola aveva autorità”.

🔥Gesù insegnava alla gente e “stupiva perché la Sua Parola aveva autorità”. Lui guariva, consolava, arrivava ai cuori in profondità e convertiva molti. A Lui obbedivano anche i demoni che, riconoscendolo come “il Santo di Dio”…sulla Sua PAROLA, gli obbedivano uscendo dal corpo delle persone da loro possedute. I miracoli che Gesù operava, colpivano la gente. La Sua fama si diffondeva in ogni luogo della regione circostante. Oggi Gesù, stupisce ancora? Gesù non ha smesso di compiere miracoli! La verità è che non tutti “credono” e non tutti vedono questi miracoli. Io credo però che “solo chi non vuol vedere non li vede.” Chi non vuol vedere? Chi ha il cuore chiuso a Gesù e aperto alle vanità del mondo. Infatti, io credo che la potenza di Gesù è sotto gli occhi di tutti.

Leggi di più:  "Viene dopo di me uno, al quale io non sono degno di slacciare i sandali".

La Sua Parola, se accolta nel cuore e vissuta, opera ancora guarigioni fisiche, psichiche e spirituali. Ancora oggi, se si sposta l’attenzione dai vizi e si rivolge lo sguardo su Gesù, con l’intenzione di ascoltarlo e servirlo, si sperimenta la liberazione dal demonio, dalle sue seduzioni e dalle sue trappole: droghe, alcool, malavita organizzata, vizi, prostituzione, violenze, odio, calunnie, superbia, idoli….queste trappole ci incastrano anche se sono già conosciute! Fratelli carissimi, attenzione ad una insidiosa trappola del maligno “moderna”: il demonio ci ruba il tempo da dedicare alla preghiera per far sì che il nostro rapporto con Gesù, la nostra relazione d’amore con Lui, non cresca. Il maligno ci distrae, ci attira a sé e occupa, con le sue proposte, la nostra mente e il nostro tempo, fino a ridurre e a far scomparire il tempo da dedicare al Signore.

L’ obiettivo è distruggere ogni legame personale con il Signore, cosa che porterà lentamente anche alla distruzione del rapporto di coppia, del dialogo con i figli…e quando la famiglia sarà distrutta, la società soffrirà, l’umanità crollerà, il mondo si autodistruggerà… Il progetto del demonio è questo, ma Cristo si oppone e noi con Lui, vero? Attenzione dunque al tempo dedicato al lavoro, al PC, ai DVD… rispetto a quello dedicato a Dio, al coniuge e ai figli…. ATTENZIONE sia al tempo dedicato alla musica che al tipo di musica che si ascolta. Attenzione alle riviste che si leggono…. Attenzione alle pubblicità, alle offerte facili e ai prodotti o servizi gratis che evocano false speranze.

Se si è molto occupati di mondo (cinema, sport, discoteche….) non si riesce a trovare il tempo per Dio, fino a non cercarlo più. Questa è la distruzione! Ritagliamoci sempre uno spazio per il Signore e tutto il resto avrà il giusto valore per avere serenità e forza. Il Signore ci vuole liberare ancora oggi! Coraggio, anche se molto impegnati… in opere buone…, non molliamo mai né la preghiera né i Sacramenti. Fidati!!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedente3 Minuti di Catechismo – 54 Perchè la Chiesa esiste?
Articolo successivoEra stata da poco inaugurata la statua del Cristo di Spadari ma subito abbattuta
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.