“Finché arriviamo tutti all’unità della fede e della conoscenza del Figlio di Dio”

Illustrazioni Vangelo Cristian Nencioni

21/09/2020
✝ DALLA LETTERA DI SAN PAOLO APOSTOLO AGLI EFESINI 4,1-7.11-13

Fratelli, io, prigioniero a motivo del Signore, vi esorto: comportatevi in maniera degna della chiamata che avete ricevuto, con ogni umiltà, dolcezza e magnanimità, sopportandovi a vicenda nell’amore, avendo a cuore di conservare l’unità dello spirito per mezzo del vincolo della pace.
Un solo corpo e un solo spirito, come una sola è la speranza alla quale siete stati chiamati, quella della vostra vocazione; un solo Signore, una sola fede, un solo battesimo. Un solo Dio e Padre di tutti, che è al di sopra di tutti, opera per mezzo di tutti ed è presente in tutti.
A ciascuno di noi, tuttavia, è stata data la grazia secondo la misura del dono di Cristo. Ed egli ha dato ad alcuni di essere apostoli, ad altri di essere profeti, ad altri ancora di essere evangelisti, ad altri di essere pastori e maestri, per preparare i fratelli a compiere il ministero, allo scopo di edificare il corpo di Cristo, finché arriviamo tutti all’unità della fede e della conoscenza del Figlio di Dio, fino all’uomo perfetto, fino a raggiungere la misura della pienezza di Cristo.

Parola di Dio

 🕯SCINTILLA DI LUCE
21/09/2020 Dalla Lettera di San Paolo Apostolo agli Efesini 4, 1-7. 11-13

“Finché arriviamo tutti all’unità della fede e della conoscenza del
Figlio di Dio, fino all’uomo perfetto, fino a raggiungere la misura della pienezza di Cristo”

🔥Abbiamo una Missione stupenda che viene portata avanti, in qualsiasi situazione dell’esistenza, da un SOLO DIO e Padre di tutti, che è al di sopra di ogni creatura. Dio si serve di ogni battezzato per compiere il suo progetto di salvezza dell’umanità. Ogni persona, dal Battesimo riceve infatti “la chiamata da Dio”, e nella propria vocazione (matrimoniale o sacerdotale… consacrati o laici impegnati)…a tutti “è stata data la grazia secondo la misura del dono di Cristo”, così dice San Paolo, non solo agli Efesini, ma anche a noi che leggiamo e ASCOLTIAMO. A qualcuno ha dato la grazia di essere Apostoli, ad altri Profeti…. ad altri ancora Pastori per preparare i fratelli a compiere il ministero (servizio)….Ma qual è il fine comune? Giungere tutti all’ UNITÀ della fede, conoscere Cristo e lasciarsi guidare da Lui alla Santità. Il fine comune è raggiungere la perfezione che il peccato ci vuole rubare. Cosa facciamo noi?

Leggi di più:  Scintilla di luce della Parola

Siamo la Chiesa Santa di Dio, Suo Popolo Santo, non dobbiamo e non possiamo permettere al maligno di rubarci la speranza, la fede e la gioia! Non è un momento bello quello che stiamo vivendo: la crisi economico finanziaria, la confusione per il coronavirus, lo sconvolgimento della natura… ma fratelli, andiamo oltre, la nostra dignità va oltre! Preghiamo gli uni per gli altri, amiamoci, perdoniamoci reciprocamente in vista della meta: il Paradiso, Dio! Puntiamo alla perfezione, alla pienezza che abbiamo solo da Cristo e in Cristo e raggiungeremo senza accorgercene tanti, forse tutti gli altri obiettivi carnali che però nella pienezza di Cristo avranno un nuovo valore… un valore relativo. In Cristo, tutti gli idoli CADRANNO! Io credo sia questa la via per raggiungere la perfezione.

Mettiti in cammino anche tu, se non lo sei già! Invoca come me lo Spirito Santo e lasciamo che Dio si serva di noi per dar vita a “Creature nuove”…per dar vita a un mondo nuovo… il Regno di Dio dove scompare l’ingiustizia, l’illegalità, l’odio, la vendetta, la violenza, il “non senso”….. Preghiamo fratelli, consacriamoci al cuore Immacolato di Maria e Gesù ogni giorno per non perdere MAI la SPERANZA, per far crescere la FEDE e il dono della FORTEZZA….per raggiungere l’unica meta che è di tutti: la SANTITÀ!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteLe straordinarie coincidenze tra la Sacra Sindone e il Sudario di Oviedo
Articolo successivoUn ristorante di Roma in cui lavorano i migranti per uno scambio di racconti e di storie
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.