“Gender, Massoneria ed Omosessualità”. Intervista a Padre Piero Riggi

“Gender, Massoneria ed Omosessualità”. Intervista a Padre Piero Riggi

“Gender, Massoneria ed Omosessualità”. Intervista a Padre Piero Riggi

Intervista a Padre Piero Riggi, sacerdote della Parrocchia Santa Croce di Caltanissetta, sulla tematica dell’ideologia Gender, connessa alla realtà della massoneria.
Padre Piero, secondo i suoi studi e approfondimenti, ci spiega cos’è l’ideologia Gender e chi c’è dietro a tutto questo, ma soprattutto perché la Chiesa rifiuta e mette in guardia le famiglie da tale ideologia.

Papa Francesco quando è tornato dalle Filippine, ha espresso che “l’imporre libri sul gender è come tornare alla gioventù hitleriana o al fascismo”. Che significa?
La Chiesa, la popolazione e l’uomo non sentono come qualche cosa di suo la cosiddetta ideologia gender, ma essa viene imposta da qualcuno che sta in alto.
Se noi analizziamo la teoria Gender ci accorgiamo che viene imposta dall’Onu e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Attraverso l’inganno, viene fatta passare come un qualcosa di necessario.
Noi non conoscevano il Gender anche se già ne aveva parlato Papa Benedetto XVI e Papa Francesco, è un ideologia imposta contro il volere del popolo.
Questo è un nuovo modo di fare colonialismo perché non rispecchia l’esigenza delle persone.

Lo scorso gennaio, Papa Bergoglio a Casa Santa Marta, ha ricevuto un transessuale spagnolo insieme alla sua fidanzata. Il Transessuale, Diego, aveva scritto al Papa dicendogli di sentirsi emarginato dalla Chiesa. Qual è l’atteggiamento che deve prendere la Chiesa nei confronti di queste persone?
La Chiesa non condanna nessuno ma evidenzia il peccato che c’è nella vita dell’uomo ed invita l’uomo a correggersi per prepararsi a quello che sarà nell’eternità.
Nessun peccatore è condannato dalla Chiesa! La Chiesa condanna il peccato!
Il peccato distrugge l’uomo, ed oggi purtroppo non si da più importanza al peccato. La Chiesa condanna il peccato ma accoglie il peccatore.
Inoltre accoglie gli omosessuali, ma questo non significa che accetta il peccato! Ricordiamoci che a causa del peccato originale siamo qui…
Il peccato fuorvia l’uomo nel cuore, nei sentimenti, nella mente, facendogli fare cose terribili. La Sacra scrittura dice che lo Spirito Santo verrà in mezzo a noi per farci rendere conto della gravità del peccato.
Il peccato causa la morte spirituale dell’uomo e chi è morto spiritualmente non può entrare nel Regno dei Cieli. Abbiamo molte testimonianze sull’esistenza dell’inferno. Chi è morto spiritualmente rischia la dannazione eterna.
L’omosessualità è un peccato grave che colpisce l’intimo dell’uomo.

Leggi di più:  Özpetek, l’omogenitorialità e i dubbi degli intellettuali laici