“Gesù rispose loro: “Ve l’ho detto e non credete; le opere che io compio nel nome del Padre mio, queste danno testimonianza di me”

illustrazione vangelo di Cristian nencioni

05/05/2020
✝ VANGELO GIOVANNI 10, 22-30

Ricorreva, in quei giorni, a Gerusalemme la festa della Dedicazione. Era inverno. Gesù camminava nel tempio, nel portico di Salomone. Allora i Giudei gli si fecero attorno e gli dicevano: «Fino a quando ci terrai nell’incertezza? Se tu sei il Cristo, dillo a noi apertamente».

Gesù rispose loro: «Ve l’ho detto, e non credete; le opere che io compio nel nome del Padre mio, queste danno testimonianza di me. Ma voi non credete perché non fate parte delle mie pecore. Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono. Io do loro la vita eterna e non andranno perdute in eterno e nessuno le strapperà dalla mia mano. Il Padre mio, che me le ha date, è più grande di tutti e nessuno può strapparle dalla mano del Padre. Io e il Padre siamo una cosa sola».

Parola del Signore

 🕯SCINTILLA DI LUCE
5/05/ 2020 Giovanni 10,22 -30

“Gesù rispose loro: “Ve l’ho detto e non credete; le opere che io compio nel nome del Padre mio, queste danno testimonianza di me”.

🔥Credere in Gesù, non è certo facile! Senza l’aiuto dello Spirito Santo, non ci sarei mai riuscita. Credere che un uomo povero, umile…troppo controcorrente, è il Figlio di Dio, non è facile obiettivamente, soprattutto per la mentalità dei nostri giorni. Molto più difficile è, secondo me, per i giovani che sono spesso peggio di San Tommaso! Proprio a loro soprattutto oggi voglio rivolgermi, perché sono stata giovane anche io, e so cosa cercano e quanto la maggior parte di loro sono “criticoni”. Durante la mia adolescenza, anche io volevo “toccare le piaghe di Gesù” per CREDERE, e poco credevo a ciò che Gesù, con la Parola diceva. Ebbene, il Signore mi ha fatto grazia di “farmele toccare”… ma quelle della mia vita. Non le vedevo, e non sapevo neanche di averle!

Leggi di più:  Scintilla di luce della Parola

Ero troppo concentrata a vedere le piaghe (acne giovanili) nel mio volto e non mi accorgevo che le vere piaghe, quelle sanguinanti, erano nel mio cuore: i miei idoli, i miei vizi, i miei peccati, la mia incapacità di perdonare…
Quando ho incominciato ad invocare lo Spirito Santo, mi si sono aperti gli occhi alla Verità delle Scritture, come ai discepoli di Emmaus, e ho visto queste piaghe del mio cuore. Ma sapete dove le ho viste? Erano in Gesù crocifisso! Quando, grazie alla “luce dello Spirito Santo”, ho guardato bene attentamente Gesù in croce…. il Suo sangue in testa, nei chiodi…ho visto quanto mi ha amato e quanto mi ama! Ho scoperto che si era caricato dei miei peccati e lì, su quel legno, ho visto e toccato le Sue e le mie piaghe e l’ho così ringraziato. Ho iniziato ad adorarlo, amarlo con tutto il cuore e più lo facevo, più le mie piaghe del cuore guarivano: ho infatti perdonato, ho allontanato i vizi, gl’ idoli…

Ma questo non è tutto cari giovani: sono guarite anche le mie acne in viso. Gesù guarisce veramente! Gesù non è un personaggio “della fantasia degli adulti”. Le opere che Gesù compie, “danno testimonianza” che Lui è Vero Figlio di Dio… Vero Dio! La Sua morte in croce per i miei e i tuoi peccati è Vera! Vera è quella del passato, ed è vera quella che Gesù RIVIVE in ogni Eucaristia. Credici come me! Dopo questa mia guarigione “completa”, ho creduto a tutte le Scritture, alle Sue Parole e a tutte le opere che GESÙ ha compiuto… Queste danno testimonianza della Sua ONNIPOTENZA! La guarigione dalle acne giovanili, è stato il primo di tanti miracoli. Accogliete questa mia testimonianza, spero vi porti a CREDERE in Gesù per sempre!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteI giri dell’anima nella Divina Volontà – La creazione
Articolo successivoNel nuovo libro di Benedetto XVI si parla di “nozze gay, aborto e anticristo”
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.