“Il giovane se ne andò triste”

Illustrazioni Vangelo Cristian Nencioni

17/08/2020
✝ VANGELO MATTEO 19,16-22

In quel tempo, un tale si avvicinò e gli disse: «Maestro, che cosa devo fare di buono per avere la vita eterna?». Gli rispose: «Perché mi interroghi su ciò che è buono? Buono è uno solo. Se vuoi entrare nella vita, osserva i comandamenti». Gli chiese: «Quali?».

Gesù rispose: «Non ucciderai, non commetterai adulterio, non ruberai, non testimonierai il falso, onora il padre e la madre e amerai il prossimo tuo come te stesso». Il giovane gli disse: «Tutte queste cose le ho osservate; che altro mi manca?».
Gli disse Gesù: «Se vuoi essere perfetto, va’, vendi quello che possiedi, dallo ai poveri e avrai un tesoro nel cielo; e vieni! Seguimi!».

Udita questa parola, il giovane se ne andò, triste; possedeva infatti molte ricchezze.

Parola del Signore

🕯SCINTILLA DI LUCE
17/08/ 2020 Matteo 19, 16- 22

“Il giovane se ne andò triste”

🔥Perché il giovane se ne va triste? Perché aveva basato sulle ricchezze ogni sicurezza. La novità che porta Gesù invece è riporre le proprie sicurezze nel Signore e diventare “con Lui e con i fratelli” un Unico Corpo. Affinché ciò accadesse avrebbe dovuto dare i suoi beni e farsi povero come povero era Gesù. Questo conflitto interno che nasceva dall’idolatria, lo rendeva triste. L’ idolatria rende tristi, crea dei pesi nell’anima e spesso anche nella mente per via dei pensieri… mormorazioni, discussioni tra parenti… Esiste forse una casa oggi dove non si “discute” per l’eredità? Più o meno animatamente, le discussioni ci sono e “ci appesantiscono il cervello”, ci complicano la vita rendendoci spesso TRISTI. Gesù ci vuole liberi! Distacchiamoci dagli idoli per essere liberi e felici! Ad alcuni il Signore chiede il voto di povertà, ad altri solo di essere poveri in Spirito (distaccamento da ogni idolo). In entrambi i casi, il Signore ci rende felici.

Leggi di più:  "Ma il Paraclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, Lui vi insegnerà ogni cosa"

Questo è il segno che la chiamata viene da Dio! Non preoccupiamoci di “dover dar tutto” quando siamo davanti al Signore che ci parla con questa Parola. Preoccupiamoci piuttosto solo di chiedere al Signore: “Cosa vuoi da me Padre? Cosa vuoi che io faccia? Cosa posso fare io per te, per i fratelli e per la mia felicità in terra e in cielo?”
La risposta la sentiamo dentro al cuore e se ci rende “felici”, viene da Dio. Il Signore non costringe nessuno. Lui solo chiama con Amore… nell’Amore. Anche la nostra risposta a Lui sia data con amore, nell’amore e per Amore. Coraggio, il Signore ci indica il cammino di perfezione che ci rende tutti felici. ASCOLTIAMOLO…. perché parla a tutti…. ma…. non a tutti allo stesso modo!! 35 anni fa circa, mi sono offerta di servirlo come “infermiera missionaria della carità “povera tra i poveri di Calcutta.” Ma il Signore ha voluto da me e, fino ad oggi mi chiede ancora, una povertà spirituale con attenzione “sincera e generosa” al bisogno dei fratelli. Da te, cosa vuole il Signore? Cosa e come rispondi?
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedente3 Minuti di Catechismo – 41 Cosa sono i peccati?
Articolo successivoEssere Cristiani significa essere Umili e Caritatevoli
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.