“Il Signore ha dato, il Signore ha tolto, sia benedetto il nome del Signore”

Illustrazioni Vangelo Cristian Nencioni

28/09/2020
✝GIOBBE 1,6-22

Un giorno, i figli di Dio andarono a presentarsi al Signore e anche Satana andò in mezzo a loro. Il Signore chiese a Satana: «Da dove vieni?». Satana rispose al Signore: «Dalla terra, che ho percorso in lungo e in largo». Il Signore disse a Satana: «Hai posto attenzione al mio servo Giobbe? Nessuno è come lui sulla terra: uomo integro e retto, timorato di Dio e lontano dal male». Satana rispose al Signore: «Forse che Giobbe teme Dio per nulla? Non sei forse tu che hai messo una siepe intorno a lui e alla sua casa e a tutto quello che è suo? Tu hai benedetto il lavoro delle sue mani e i suoi possedimenti si espandono sulla terra. Ma stendi un poco la mano e tocca quanto ha, e vedrai come ti maledirà apertamente!». Il Signore disse a Satana: «Ecco, quanto possiede è in tuo potere, ma non stendere la mano su di lui». Satana si ritirò dalla presenza del Signore.
Un giorno accadde che, mentre i suoi figli e le sue figlie stavano mangiando e bevendo vino in casa del fratello maggiore, un messaggero venne da Giobbe e gli disse: «I buoi stavano arando e le asine pascolando vicino ad essi. I Sabèi hanno fatto irruzione, li hanno portati via e hanno passato a fil di spada i guardiani. Sono scampato soltanto io per raccontartelo».
Mentre egli ancora parlava, entrò un altro e disse: «Un fuoco divino è caduto dal cielo: si è appiccato alle pecore e ai guardiani e li ha divorati. Sono scampato soltanto io per raccontartelo».
Mentre egli ancora parlava, entrò un altro e disse: «I Caldèi hanno formato tre bande: sono piombati sopra i cammelli e li hanno portati via e hanno passato a fil di spada i guardiani. Sono scampato soltanto io per raccontartelo».
Mentre egli ancora parlava, entrò un altro e disse: «I tuoi figli e le tue figlie stavano mangiando e bevendo vino in casa del loro fratello maggiore, quand’ecco un vento impetuoso si è scatenato da oltre il deserto: ha investito i quattro lati della casa, che è rovinata sui giovani e sono morti. Sono scampato soltanto io per raccontartelo».
Allora Giobbe si alzò e si stracciò il mantello; si rase il capo, cadde a terra, si prostrò e disse:
«Nudo uscii dal grembo di mia madre,
e nudo vi ritornerò.
Il Signore ha dato, il Signore ha tolto,
sia benedetto il nome del Signore!».
In tutto questo Giobbe non peccò e non attribuì a Dio nulla di ingiusto.

Leggi di più:  Scintilla di luce della Parola

Parola di Dio.

 🕯 SCINTILLA DI LUCE
28/09/2020 Giobbe 1,6-22

“Il Signore ha dato, il Signore ha tolto, sia benedetto il nome del Signore”.

🔥Se noi “riduciamo” Dio a quello che ci dà di piacevole e di buono per noi, moriremo nella solitudine, perché Dio diventa un estraneo per noi, uno che ci dà qualcosa…”Ridurlo alla nostra misura,” è segno che noi “siamo il dio di noi stessi”! Quando invece comprendiamo che Dio è Padre, che si prende cura di noi in ogni situazione, anche di sofferenza, di prova, di grande dolore… appare nella nostra vita un ORDINE, anche in mezzo a un apparente disordine. Se in qualche momento della tua vita ti accade di sperimentare, come me e come Giobbe, che la tua vita è un vero disastro, per le svariate prove.. (salute, lavoro, problemi economici o altro…) non commettere l’errore di allontanarti da Dio, RESTA UNITO al Signore, e come Giobbe, benedici di più Dio, per esperienza lo dico! Quando infatti, anche solo per qualche minuto, sono caduta nella tentazione di scoraggiarmi, ho sperimentato l’angoscia di vedermi precipitare nel buio più profondo di vedere peggiorare la situazione di prova. Ho iniziato a vedere l’aurora solo pregando di più, lodando e benedicendo di più il Signore che non mi ha MAI abbandonata.

Nella mia vita, Lui ha dato e Lui ha tolto, secondo il Suo progetto di vita su di me, ed io, fidandomi, continuando a benedire il Suo Santo NOME, ho sperimentato che quando si mette al primo posto la relazione con Dio, ogni piccola e grande croce, è solo un’occasione per godere dell’Amore infinito del Padre verso di me, figlia. Testimonio che nelle tante prove che ho subìto, quando la mia attenzione primaria era al problema, la prova cresceva e mi sentivo schiacciare da essa. Quando, invece, l’affrontavo con Dio, UNITA al Sacrificio Eucaristico, pregando e benedicendo di più il Signore…vedevo apparire una “luce” che mi faceva vedere e capire il percorso da seguire per uscire dal problema, senza mai, come Giobbe, attribuire a Dio nulla di ingiusto. È Dio la lampada dei nostri passi!

Leggi di più:  "Due passeri non si vendono forse per un soldo?"

Nella prova, segui il mio consiglio: INVOCA lo Spirito Santo; LODA, benedici Gesù….a Lui dà le tue paure, le tue preoccupazioni, i tuoi peccati..; con Gesù e lo Spirito Santo, rivolgiti al Padre con le parole che Gesù ci ha insegnato: “Padre Nostro…” facendo tua ogni parola ed elevandola da figlia, al PADRE; poi lasciati nutrire dalla Parola del giorno. Coraggio, fallo ogni giorno, perché ogni giorno si vive una prova… grande o piccola che sia! È Dio la nostra forza. È Lui che conduce la nostra storia! Fidiamoci, restiamo sempre fedeli come Giobbe! Dio non delude MAI!!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteIl Credo della Famiglia SANTA
Articolo successivo“Sono con voi così a lungo perché Dio è grande nel Suo amore e nella mia presenza”
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.