“In tutto, infatti, siamo tribolati, ma non schiacciati; siamo sconvolti, ma non disperati”

 25/07/2020
✝DALLA SECONDA LETTERA DI SAN PAOLO APOSTOLO AI CORINZI 4,7-15

Fratelli, noi abbiamo un tesoro in vasi di creta, perché appaia che questa straordinaria potenza appartiene a Dio, e non viene da noi. In tutto, infatti, siamo tribolati, ma non schiacciati; siamo sconvolti, ma non disperati; perseguitati, ma non abbandonati; colpiti, ma non uccisi, portando sempre e dovunque nel nostro corpo la morte di Gesù, perché anche la vita di Gesù si manifesti nel nostro corpo. Sempre infatti, noi che siamo vivi, veniamo consegnati alla morte a causa di Gesù, perché anche la vita di Gesù si manifesti nella nostra carne mortale. Cosicché in noi agisce la morte, in voi la vita.

Animati tuttavia da quello stesso spirito di fede di cui sta scritto: «Ho creduto, perciò ho parlato», anche noi crediamo e perciò parliamo, convinti che colui che ha risuscitato il Signore Gesù, risusciterà anche noi con Gesù e ci porrà accanto a lui insieme con voi. Tutto infatti è per voi, perché la grazia, accresciuta a opera di molti, faccia abbondare l’inno di ringraziamento, per la gloria di Dio.

Parola di Dio

🕯SCINTILLA DI LUCE
25/07/2020 Dalla seconda lettera di San Paolo Apostolo ai Corinzi 4,7- 15

“In tutto, infatti, siamo tribolati, ma non schiacciati; siamo sconvolti, ma non disperati; perseguitati, ma non abbandonati; colpiti, ma non uccisi”.

🔥Ovunque siamo, subiamo, ma il CRISTIANO tutto sopporta “con forza e gioia”, perché ama Dio e lo serve “portando sempre nel corpo la morte di Gesù, affinché anche la vita di Gesù si manifesti nel proprio corpo”. Gesù in croce, morendo e risorgendo, ha vinto ogni tribolazione, persecuzione e morte! Il Cristiano, unito a Cristo, non si lascia sconvolgere nelle tribolazioni, perché CREDE in ciò che sta scritto: “Colui che ha risuscitato il Signore Gesù, risusciterà anche noi con Gesù e ci porrà accanto a Lui”. In questo momento della mia vita, io sto affrontando una prova in cui tutto sopporto solo perché ho questa certezza nel cuore!! Non ve ne ho mai parlato, ma arriverà il momento in cui la conoscerete.

Leggi di più:  Scintilla di luce della Parola

Pur essendo “bastonata, ferita, colpita ingiustamente”….cosa ancora mi fa resistere? La certezza di non essere abbandonata! Colui che ha liberato il popolo di Egitto dalla schiavitù….,che ha risuscitato Gesù…., è lo stesso Dio-Padre che si prende ancora oggi cura di me e di te! Viviamo sempre con questa certezza e saremo sempre forti e gioiosi! Quando ci colpisce la tentazione di sentirci abbandonati, siamo anche tristi…. ma noi non siamo MAI abbandonati! Dio è Padre e tra noi e Lui, attraverso Cristo, c’è un legame di Vero Amore Paterno che ci fa gioire e MAI più deprimere. Il solo pensiero che Dio si è preso cura di me e di te… venendo tra noi con Gesù che vive per noi e si dona per noi in ogni Eucaristia….ci deve portare a vivere e ad affrontare tutto per Lui! Impariamo a vivere per Gesù, come Lui vive per noi e se lo facciamo, la tribolazione diventa l’occasione per cui UNIRSI di più a Gesù. In questo modo, anche nella tribolazione, si riesce a gioire.. perché sappiamo per chi soffriamo, con chi soffriamo e in chi soffriamo.

La prova dunque, non solo non ci schiaccerà perché siamo uniti a Cristo, ma con Lui, anche cresciamo spiritualmente, fino ad arrivare ad essere “cittadini del cielo”: VIVI in questo mondo, ma con la consapevolezza di non essere di questo mondo!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedente3 Minuti di Catechismo – 22 C’è contraddizione tra Fede e Scienza?
Articolo successivoDopo Nantes e Lizzano: fino a che punto è possibile il dialogo?
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.