India: il persecutore che è diventato perseguitato

Foto di Pexels da Pixabay

Quando Preetha* si è svegliata in ospedale, la prima cosa che ha sentito è stata tanto dolore, dolore su tutto il corpo. La sua mano faceva più male. Lei la guardò e sembrava a malapena una mano. C’erano tagli profondi in quattro  dita e nel suo palmo, e il sangue era ovunque.

Preetha poteva vedere sua figlia, Mirai*, nel letto accanto a lei, con i suoi profondi tagli e lividi scuri. I ricordi hanno iniziato a riaffiorare: gli uomini ubriachi, la bacchetta di ferro…

Suo figlio che era al suo capezzale le disse: “I medici dicono che non ti cureranno perché siamo cristiani. Dove possiamo andare adesso?”

Quel giorno, Preetha, sua figlia e suo marito, Navin*, che era un pastore, erano andati a trovare una signora della loro chiesa, Vinita, per pregare per lei. Vinita aveva con sé la sua bambina.

Dopo un po’ di tempo in preghiera, si sedettero insieme per il tè quando all’improvviso udirono un trambusto fuori.

Mentre diventava più forte, potevano sentire le persone che gridavano: “Dove sono i cristiani?”

Poi, all’improvviso, un gruppo di uomini ha fatto irruzione attraverso la porta. In pochi secondi riempirono la casetta. Puzzavano di alcol.

Il capo del gruppo afferrò Navin per la maglietta. “Non vogliamo cristiani qui!” gli gridò.

Gli altri uomini iniziarono a distruggere tutto ciò che vedevano. Preetha guardava con orrore mentre uno di loro afferrava la bambina di Vinita e la gettavano a terra. La bambina ha urlato. Preetha si precipitò a prenderla, ma uno degli uomini la prese per un braccio. Aveva in mano un’asta di ferro e la sollevò sopra la sua testa. Preetha alzò la mano per cercare di fermare il colpo – e poi tutto si oscurò.

Solo pochi anni prima, era stato il marito di Preetha, Navin, ad attaccare i cristiani. Ricorda che un giorno, aveva strappato un mazzo di volantini evangelici dalla mano di un uomo: “Non ci interessano i tuoi dei stranieri qui”, disse Navin, facendo a pezzi i volantini e lanciandoli in faccia all’uomo.

Aveva picchiato i cristiani, sperando che li avrebbe tenuti lontani. Ma hanno continuato a venire e alcuni dei loro amici nel villaggio si sono persino convertiti al cristianesimo.

Preetha aveva provato lo stesso riguardo ai cristiani finché un giorno si era incuriosita del Dio di cui parlavano sempre.

La loro figlia, Mirai, soffriva di una malattia della pelle fin dall’infanzia. Le stava causando un grave trauma psicologico . Per una donna della comunità era un ostacolo per il matrimonio.

La coppia aveva provato tutto ciò che il sacerdote indù locale suggeriva: digiunare e pregare gli dei indù, prendere parte a tutti i tipi di rituali e cerimonie. Niente ha aiutato. I cristiani del loro villaggio hanno suggerito di portare Mirai in chiesa.

Preetha portò la ragazza da un prete che pregò per lei. Miracolosamente, le condizioni di Mirai hanno iniziato a migliorare, ha detto sua madre a Open Doors. Il pastore non ha mai chiesto soldi o favori.

Il pastore cambiò anche la vita di Navin: smise di bere, rinunciò al suo vecchio lavoro di creare idoli indù, si convertì al cristianesimo e alla fine divenne pastore. Anche Preetha divenne cristiana.

Alcune persone nel loro villaggio hanno iniziato a minacciare la coppia, dicendo loro di smettere di riunirsi con la loro chiesa e di interrompere il loro ministero. Dissero che il cristianesimo era una religione straniera e che erano “anti-indiani”.

Alla fine, le minacce si sono trasformate in azioni.

Leggi di più:  San Gregorio Barbarigo: vita e carisma

In ospedale, Vinita andò e si sedette accanto al letto di Preetha. Il suo bambino era in grembo: fortunatamente, la bambina era sopravvissuta al calvario senza gravi ferite. Vinita non è stata così fortunata: aveva sangue sulla testa e sulle mani, ma non era ferita gravemente come Preetha.

Attraverso i partner locali di Open Doors in India sono stati portati in un altro ospedale dove sono stati adeguatamente curati. Open Doors ha anche fornito a Preetha e alla sua famiglia supporto legale: da allora hanno intentato una causa contro i loro aggressori.