“Io sono la vite voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto”

illustrazioni di Cristian Nencioni art

13/05/2020
✝ VANGELO GIOVANNI 15, 1-8

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:
«Io sono la vite vera e il Padre mio è l’agricoltore. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia, e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. Voi siete già puri, a causa della parola che vi ho annunciato.

Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete fare nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e secca; poi lo raccolgono, lo gettano nel fuoco e lo bruciano.

Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli».

Parola del Signore

 🕯SCINTILLA DI LUCE
13/05/2020 Giovanni 15, 1-8

“Io sono la vite voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla”.

🔥Perché rimanere uniti a Gesù? Per divenire Suoi discepoli e “portare molto frutto”. Perché dobbiamo portare molto frutto? Perché, per quel che comprendo io, siamo chiamati a glorificare il Padre, e il nostro frutto viene offerto a Dio, per dare a Lui… a Lui solo, onore e Gloria!
Gesù ci chiede, con questa Parola, di rimanere uniti a Lui, “perché senza di Lui non possiamo far nulla”. Gesù vuole che produciamo i frutti…. frutti di giustizia, di carità fraterna, di misericordia… frutti di evangelizzazione,…frutti che danno onore e Gloria a Dio! Ma perché non possiamo fare niente senza Gesù?

Perché siamo stati creati ad immagine e somiglianza di Dio-Trinità. Il Padre senza il Figlio non può far niente. Il Figlio senza il Padre non può far niente. Lo Spirito Santo non può far niente senza il Padre e il Figlio, e così noi, non possiamo far nulla senza di Loro! È Gesù, unica cosa con il Padre e lo Spirito Santo, che lavora in ciascuno di noi! Lo Spirito Santo, fuoco di Amore, ci apre al Mistero di Cristo: nostra salvezza e liberatore dalla schiavitù del peccato. Lo Spirito Santo ci apre al Mistero di Gesù: Verbo incarnato, Parola VIVA e quindi, se seguiamo… se RIMANIAMO FEDELI agli insegnamenti di Gesù, VIVIAMO nella volontà del Padre che ci SANTIFICA!! Questo è il frutto più importante che vuole Gesù per ciascuno di noi: la SANTITÀ…che altro non è che il “mantenimento” di quell’immagine e somiglianza di Dio”. Questo è da sempre il progetto di Dio su di noi, che il maligno, con il peccato, vuol distruggere. Senza mettere in pratica gli insegnamenti di Gesù, e senza nutrirsi del Suo Corpo e del Suo Sangue, i frutti sono stentati in noi, perché la nostra umanità ci vince. Le paure e le tentazioni infatti, “senza Gesù”, ci vincono.

Ecco perché dobbiamo rimanere sempre in Lui! Quando ci sentiamo esasperati e turbati, ritorniamo a Gesù, perché solo in Lui si vive l’esperienza Mistica di Dio, che è il frutto a cui tutti dobbiamo aspirare… frutto che ci appaga, che ci sazia per la vita eterna!!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedente“Cercate il Volto di mio Figlio”: come pregare il S. Volto di Gesù
Articolo successivoBimbo miracolato di 10 anni sopravvissuto ad uno spiedino
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.