Irene Pivetti: “Sì alle Unioni Civili, No alla stepchild adoption”

Irene Pivetti: “Sì alle Unioni Civili, No alla stepchild adoption”

Molti politici ed esponenti dello Stato sono favorevoli alle adozioni di coppie omosessuali e all’utero in affitto. Qual è la sua posizione nei confronti di queste 2 realtà?

Queste sono delle realtà diverse che hanno a che fare con terze persone cioè con i bambini. Sono contraria alle adozioni gay perché non credo sia una buona forma di vita e di percorso equilibrato, perché priva il bambino di vivere con una delle figure genitoriali,  o materna o paterna.

Non si può programmare una famiglia nella quale non ci sono o il padre o la madre è una famiglia un po’ distorta.

Mentre il fatto che 2 persone dello stesso sesso vogliano regolarizzare la loro unione non ci vedo nulla di male e credo che non interferisca con la famiglia che è un’altra realtà completamente diversa dalle unioni civili perché è fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna e la  generazione dei figli, è una realtà più complessa ed articolata rispetto ad un unione civile.

Per quando riguarda l’utero in affitto è un azione contro l’umanità! Penso che l’utero in affitto sarebbe piaciuta come idea ad Hitler e a tutti gli scienziati che facevano esperimenti sui corpi umani.

Comunque l’utero in affitto non è una pratica legale in Italia ma la questione si articolava per il fatto che questo tipo di legge, potrebbe favorire l’utero in affitto in altri paesi e questo è un problema serio che va affrontato a livello internazionale.

 

Invece qual è il suo punto di vista sulla questione dell’immigrazione?

Il tema dell’immigrazione di oggi non ha nulla a che fare con l’immigrazione che un secolo fa, anche i nostri italiani hanno avuto.

Leggi di più:  Al Bano Carrisi “Ho allontanato il demonio con la preghiera”

L’immigrazione di oggi è un gigantesco movimento di masse umane controllate dalla grande criminalità internazionale.

Ci sono intrecci incredibili di commerci umani contro armi e contro droga ed in tutto questo , i poveri immigrati sono uno strumento di scambio. La sola accoglienza degli extra comunitari nel nostro paese, non risolverà mai il problema.

Non possiamo pensare che solo gli europei possano risolvere questa situazione senza coinvolgere altri interlocutori; questo porterebbe degli scontri ma per la verità!

Ciò che le menti criminali vogliono è scatenare a livello globale la guerra dei poveri.

L’immigrazione è di fatto la tratta degli schiavi!