La depressione post- partum spiegata da una mistica medievale

Foto di Enrique Meseguer da Pixabay

Margery Kempe è una donna che può essere tutt’oggi di aiuto per chi soffre di depressione post- partum.

La depressione post-partum può essere considerata una vera e propria malattia se non viene affrontata con le “cure” e i tempi giusti; molte donne dopo il parto ne soffrono e arrivano anche ad essere talmente debilitate da non riuscire a prendersi cura nemmeno del proprio figlio e questo le devasta ancora di più!

La depressione post – partum è capace di prendere il posto della gioia che una madre dovrebbe avere per la nascita del proprio bambino. Già la depressione è una malattia in se per sé, debilitante, inoltre quella post-partum non ti permette di prenderti cura della tua creatura.

Di depressione post-partum ne soffrono circa il 15% delle donne ed è esistita da sempre.

Margery Kempe, la mistica medievale che soffrì di depressione post- partum

Margery è una donna inglese vissuta nel XV secolo ed ha sofferto di depressione post-partum dopo la nascita del suo primo figlio, all’epoca era difficile riscontrarla.

Divenne famosa come veggente spirituale e le sue visioni di Cristo sono trascritte ne Il Libro di Margery Kempe” .

Era una donna interessata alla moda, e sposò John Kempe, un uomo che la trattava gentilmente.

Tutto cambiò con la nascita del suo primo figlio –  Margery durante la gravidanza sperimentò molto malessere fisico, e dopo aver concepito venne afflitta da vari attacchi di malattia fino alla nascita del bambino.

Il parto la lasciò molto debole ma poi fisicamente si riprese piuttosto bene ed è qui che la sua storia prende una svolta.

Leggi di più:  A settembre una nuova beata: Benedetta Bianchi Porro

Margery aveva sempre pensieri di morte, pensava di andare all’inferno a causa di peccati segreti e inconfessati. Così, dopo la nascita di suo figlio le sue condizioni mentali peggiorarono.

Margery disse di se stessa: “Questa creatura è uscita di senno ed è stata straordinariamente disturbata e tormentata dagli spiriti per sei mesi, otto settimane e strani giorni”. Aveva visioni del demonio che le diceva di abbandonare la fede, la famiglia, gli amici, la speranza del Paradiso e l’autostima.

In base all’esperienza di questa donna è un po’ difficile dedurre se la sua fosse una semplice depressione post- partum oppure una grave psicosi post- partum. Una cosa però era certa: la gravidanza scatenò qualcosa in lei!

Purtroppo dopo la depressione, la mistica medievale non recuperò più le sue condizioni mentali precedenti, aveva poi uno strano rapporto col marito ma la cosa che sembra essere un controsenso è che ebbe molti altri figli, una vita felice e continuò ad avere visioni mistiche.

Il libro di Margery può essere ancora oggi, un grande aiuto per tutte quelle donne che soffrono di depressione post- partum.

Ad ogni modo Margery riuscì a sconfiggere questo tipo di depressione utilizzando questi strumenti fondamentali: la conoscenza di sé, l’onestà emotiva, l’amore di Dio, l’amicizia e l’aiuto agli altri.

 Fonte. Gaudium Press di Rita Sberna