Mons. Giovanni D’Ercole : “Cristiani dove siete? Cosa fate per difendere la famiglia di Dio?”

In questi giorni si parla tanto di Unioni Civili, del Disegno di Legge Cirinnà, delle adozioni gay e dell’utero in affitto. Abbiamo intervistato in merito a tali questioni, Sua Eccellenza Mons Giovanni D’Ercole, autore e conduttore della trasmissione Rai “Sulla via di Damasco” e Vescovo di Ascoli Piceno.

Oggi la famiglia è minacciata da idee e leggi che sembrerebbero voler eliminare i comandamenti di Dio. Che ne pensa?
Direi che la famiglia cristiana e i comandamenti di Gesù Cristo sono avversati da sempre, non è una novità che oggi la famiglia sia avversata.
Certamente, oggi, la battaglia è diventata più dura perché l’attacco al cristianesimo (che è iniziato tanto tempo fa) adesso è arrivato al suo vertice. La famiglia costituisce il nucleo fondamentale della comunità cristiana e se la famiglia viene distrutta, si rischia di distruggere l’intera comunità cristiana.
E’ un momento difficile nel quale occorre prendere seriamente consapevolezza, del rischio che stiamo correndo e dell’impegno che dobbiamo mettere per rinforzare, difendere e salvaguardare la famiglia cristiana.

Sembrerebbe una domanda un po’ scontata, ma non lo è visto quello di cui si discute in questi giorni: cos’è la famiglia?
La famiglia è la cellula fondamentale della società, non è fatta dall’incontro di due individui ma è l’incontro di un uomo e di una donna che insieme si aprono alla vita ed è naturalmente costituita. Non è stata inventata dall’uomo! Il primo uomo nasce dall’incontro tra un uomo e una donna. Quando parliamo di famiglia naturale ci riferiamo all’uomo, alla donna e al figlio.

Al Festival di Sanremo, quasi tutti i cantanti in gara, entravano in scena indossando i nastri arcobaleno come se volessero trasmettere un messaggio favorevole alle unioni civili. Cosa vuol dire in merito?
Li guardo e li lascio fare, di certo non posso impedirgli di mettere il cervello all’ammasso e di pensare ognuno quello che vuole.
La lotta che oggi si sta facendo, da parte nostra è anche un po’ tardi perché se siamo arrivati a questo punto vuol dire che è venuta meno la fede nella comunità cristiana e si sono indebolite le sue risorse.
E’ chiaro che l’azione satanica è molto violenta ed è molto forte . Oggi parlare di diritti civili è alla moda, anche se si è confuso il concetto stesso di “diritto civile”. E’ meglio parlare di “diritti individuali” perché riguardano dei desideri che l’individuo vorrebbe soddisfare.
Invito tutti i credenti a riflettere e mi rivolgo a loro dicendo: dove siete? Cosa fate? Dov’è la bellezza della famiglia che mostrate?
L’unica risposta che possiamo dare alla crisi di oggi ed a questo avanzare di diritti civili e di matrimoni tra persone dello stesso sesso è semplicemente mostrare la bellezza della famiglia, perché è la bellezza che conquista; le polemiche non servono a nulla.

Leggi di più:  Un sacerdote unisce civilmente in matrimonio due donne: viene rimosso dal vescovo!

Lei pensa che la società di oggi abbia perso i valori cristiani?
Non lo penso ma lo vedo! La società di oggi è secolarizzata, ed è anche molto smarrita nella quale non ci sono punti di riferimento, molto spesso domina l’incertezza. E’ una società che ha bisogno di essere amata e rivisitata, di essere a mio avviso, poco attaccata e molto stimolata da esempi positivi.
La preghiera in famiglia è fondamentale. Papa Giovanni Paolo II, diceva sempre che una famiglia che prega unita resta unita.
Tantissimi cristiani sono divorziati, e tanti altri cristiani vivono in maniera infedele la loro missione. Il fatto di sposarsi non è un caso ma è una vocazione!
Credo che impostare una polemica contro la legge non serva a nulla, ma dobbiamo volgere lo sguardo alla Comunità e ai politici chiedendogli di essere coerenti.
Abbiamo un Presidente del Consiglio che si reputa cristiano, ma sinceramente non so cosa gli sia rimasto di cristiano quando gli sento fare certi ragionamenti.
Ho paura che oggi molti si dicono cristiani senza più esserlo e questo è il vero pericolo della nostra società.

L’omosessualità è considerata un peccato?
L’omosessualità è un fenomeno psicologico e nessuno ha mai detto che è un peccato. Il peccato sta nell’atto omosessuale come anche nell’atto sessuale trasgressivo. Il peccato consiste nell’andare contro il sesto ed il nono comandamento, commettendo degli atti immorali da un punto di vista sessuale.
La tendenza non è un peccato, a volte chi ha certe tendenze soffre e va aiutato ma è anche una cosa assolutamente naturale. Il peccato consiste negli atti sessuali perché viene distorta la sessualità ed il progetto di Dio.

Leggi di più:  Diego Manetti: “Vi racconto la bellezza di Medjugorje”

Secondo lei, il Disegno di legge Cirinnà verrà approvato?
Se viene o non viene approvato, non cambierà la situazione della nostra società. Quello che il disegno di legge Cirinnà vuole codificare in realtà già esiste nella società da tempo.
Già esistono omosessuali che prendono in affitto l’utero di alcune donne per mettere figli al mondo, già ci sono coppie di omosessuali che vivono insieme. Infatti l’ argomento in cui puntano è proprio quello di legalizzare ciò che già esiste.

Servizio di Rita Sberna

12 Commenti

  1. Mi trovo ad essere d’accordo al cento per cento. Credo fortemente negli anticorpi che la Chiesa ha generato da molto tempo, quale l’Opus Dei di cui non sono membro, ma conosco abbastanza bene tutti i suoi meriti in campo Ecclesiale e in quello lavorativo. Bisogna unire tutte le forze Cattoliche per fermare il demonio

  2. sono convinta che questo attacco alla famiglia vada combattuto con cuore ,preghiera e l’affidamento a Maria SS..e con il s. Rosario che il maligno teme moltissimo

  3. Pienamente d’accordo, ma bisogna fare di piu’. noi parliamo e Renzi et company fanno il resto’

  4. Mons Giovanni dice una cosa molto importante. Noi cristiani siamo attaccati e purtroppo anche il governo ci sta contro. Dice che la nostra unica difesa è la fede in Dio e la preghiera per le storture di una legge che consente di peccare contro i comandamenti di Dio e la morale comune.

  5. Ma come si fa a dire che le tendenze sono naturali, mentre il metterle in atto è peccato? Chi decide queste distinzioni? I preti? Un omosessuale ha delle tendenze che sono indotte dalla natura come potrebbe dominarle e non soddisfarle? Finitela è stata una scelta della natura conseguenza delle scelte di Dio. Considero l’omosessualità una cosa orribile e inutile. Ma è una scelta del Creatore.

  6. Una delle cose importanti che deve fare la “FAMIGLIA” è quella di TESTIMONIARE ogni giorno e in ogni luogo,la sua Bellezza e la sua FEDELTA’ al SACRAMENTO ricevuto.Troppe persone si dichiarano Cristiane,ma nella vita non vivono con coerenza e discernimento quello che affermano di essere!A cominciare dal Sig. Renzi.

  7. Caro Mons. sono d’accordo con tutto ciò che ha detto..siamo diventati apatici e ci siamo assisi sullo sgabello di Satana e lo serviamo con rispetto..ma il Signore ha deciso che se vogliamo essere suoi dobbiamo invece combattere la battaglia dell’Amore VERO e testimoniare con la forza della fede quel nostro appartenersi e appartenere alla FAMIGLIA CREATA DA DIO E VOLUTA DA DIO NELLA SUA VERA IDENTITA’.. PADRE MADRE E FIGLI.. non c’è altra famiglia che si può definire tale se si trasgredisce questa verità!!!! Aiutateci voi santi sacerdoti ad essere tali e non stancatevi mai di predicarci con santità e verità la Parola di Dio e la Sua Santa Volontà!! Grazie per esserci –l’ammiro molto per la sua testimonianza di sacerdote di Cristo !

  8. Dobbiamo stare attenti perche se camminiamo su questi passi il Signore ci togliera la protezione, abbiamo fatto un mondo senza Dio I governi hanno messo l’Italia nelle mani di Satana

  9. Un sacerdote deve sempre ammonire i propri fedeli “noi tutti ” che al DEMONIO ,del quale tanti non accennano,fa comodo se non se ne parla , fa comodo perche moltissime ANIME al momento della MORTE si trovano al cospetto di DIO e si trovano in condizioni di CONDANNA e non possono MAI piu tornare indietro a riparare ,che al DEMONIO fa comodomente tanti adpti e trascina sempre piu’ con vizi e facile denaro ,che potrebbero essere salvati e la cattiva informazione per la facile condotta anche SESSUALE fuori dai COMANDAMENTI .
    la grande battaglia finale e solo sulla famiglia ,nella quale coesistino tutti i valori sacramentali del Cristiano ,(famiglia ,genitore ,figlio,)cioe’ tutto quello che attaccabile sia individualmente ,sia nel nucleo insieme
    Che l’uomo e credente o meno ,dovrebbero FORTEMENTE gridare che alla fine di questa esistenza non potra ‘ mai essere ingiudicato ,perche’ chi nasce e per volonta’ di Dio che viva e DEVE fare la sua volonta’ , la SUA volonta’ e la sola salvezza DELL’ ANIMA.

Comments are closed.