Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore

Foto di geralt da Pixabay

Il discepolo Giovanni ha dato questo messaggio incoraggiante e importante sull’ amore, perché attraverso l’amore possiamo conoscere Dio.

Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore 1 Giovanni 4: 8

Dio è in cielo, mentre noi siamo sulla terra. Possiamo conoscere Dio è lassù tramite il nostro potere di ragionamento osservando l’universo in ordine. In greco, la parola universo è “Cosmo”, che significa ordine. L’opposto è il caos. Se il mondo esisteva per caso, sarebbe esploso molto tempo fa. Nei Romani dice che possiamo anche conoscere l’esistenza di Dio attraverso la nostra intuizione. Tuttavia, non possiamo sapere esattamente com’è questo Dio.

Non possiamo arrivare a conoscere Dio in modo chiaro, tranne quando Egli si rivela. Dio si è rivelato a noi in Gesù che è venuto a noi in carne. Gesù è morto per noi sulla croce, pagando  per i nostri peccati, così ci ha rivelato l’amore di Dio per noi.

Prendiamo un esempio dalla Bibbia per vedere com’è l’amore di Dio.

La parabola dei lavoratori della vigna da Matteo 20: 1-16 illustra bene l’amore di Dio. Si tratta di una parabola sulla regno dei cieli, dove il proprietario è Dio. Coloro che sono stati chiamati alle cinque nella vigna e hanno lavorato solo un’ora hanno ricevuto lo stesso salario di quelli che il padrone aveva invitato alle nove. E ‘la grazia per gli ultimi. Quelli che sono stati chiamati nella prima ora si lamentavano nei confronti del padrone per aver avutop lo stesso trattamento degli altri.  Tuttavia nonostante il loro ragionamento potesse sembrare corretto, il padrone non ha sbagliato affatto. Il padrone fece capire loro che il suo trattamento era giusto perchè avevano dimenticato la grazia che avevano ricevuto.

Potremmo stare nella posizione di entrambi i gruppi. La sfida per noi è che quando vediamo gli altri che ricevono più grazia o di altre chiese che fanno meglio, dobbiamo ancora credere nella fede che Dio mi ama e la mia chiesa pure.

Questa parabola illustra il principio della grazia in cielo, che era in vigore in tutta la storia. In Genesi 48, Giacobbe conferito a Efraim beni migliori di Manasse, nonostante il fatto che egli non era il primogenito di Giuseppe. In Deuteronomio 33, diverse generazioni più tardi, quando Mosè benedisse le tribù d’Israele, vediamo le benedizioni su Manasse ed Efraim che hanno continuato a partire dal momento di Giacobbe. Manasse non ha dubbi, ma credo che l’amore di Dio per mezzo della fede, ha fatto sì che i suoi benefici continuassero a crescere nella storia.

Nel versetto nove, si dice l’amore di Dio è stato rivelato in mezzo a noi, non a noi. L’amore di Dio è vicino a noi e richiede la nostra risposta. Viviamo nel mondo, ma Dio è invisibile. Vivere nel mondo, siamo anche sotto l’influenza di Satana che ci farà dubitare dell’amore di Dio. E ‘come ci troviamo in mezzo tra Dio e Satana e abbiamo bisogno di fare delle scelte su chi seguiamo ogni giorno. Come possiamo ricevere l’amore di Dio? Per fede!

Leggi di più:  Dove trovare consolazione? Una perla tratta da “L’imitazione di Cristo”