“Non dovevi anche tu aver pietà del tuo compagno, così come io ho avuto pietà di te?”

Illustrazioni Vangelo Cristian Nencioni

 13/08/2020
✝ VANGELO MATTEO 18,21-19,1

In quel tempo, Pietro si avvicinò a Gesù e gli disse: «Signore, se il mio fratello commette colpe contro di me, quante volte dovrò perdonargli? Fino a sette volte?».

E Gesù gli rispose: «Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette.

Per questo, il regno dei cieli è simile a un re che volle regolare i conti con i suoi servi. Aveva cominciato a regolare i conti, quando gli fu presentato un tale che gli doveva diecimila talenti. Poiché costui non era in grado di restituire, il padrone ordinò che fosse venduto lui con la moglie, i figli e quanto possedeva, e così saldasse il debito. Allora il servo, prostrato a terra, lo supplicava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò ogni cosa”. Il padrone ebbe compassione di quel servo, lo lasciò andare e gli condonò il debito.

Appena uscito, quel servo trovò uno dei suoi compagni, che gli doveva cento denari. Lo prese per il collo e lo soffocava, dicendo: “Restituisci quello che devi!”. Il suo compagno, prostrato a terra, lo pregava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò”. Ma egli non volle, andò e lo fece gettare in prigione, fino a che non avesse pagato il debito.

Visto quello che accadeva, i suoi compagni furono molto dispiaciuti e andarono a riferire al loro padrone tutto l’accaduto. Allora il padrone fece chiamare quell’uomo e gli disse: “Servo malvagio, io ti ho condonato tutto quel debito perché tu mi hai pregato. Non dovevi anche tu aver pietà del tuo compagno, così come io ho avuto pietà di te?”. Sdegnato, il padrone lo diede in mano agli aguzzini, finché non avesse restituito tutto il dovuto.

Leggi di più:  "La pietra che i costruttori hanno scartato, è diventata pietra d'angolo"

Così anche il Padre mio celeste farà con voi se non perdonerete di cuore, ciascuno al proprio fratello».

Terminati questi discorsi, Gesù lasciò la Galilea e andò nella regione della Giudea, al di là del Giordano.

Parola del Signore

 🕯SCINTILLA DI LUCE
13,/08/2020 Matteo 18,21-19,1

“Non dovevi anche tu aver pietà del tuo compagno, così come io ho avuto pietà di te?”.

🔥Quante volte il Signore ha avuto pietà di noi? Quante volte Lui ci ha perdonati? Abbiamo sentito la gioia del Suo perdono? Il Padre non ci rifiuta MAI, non si “sdegna” come dovrebbe… Lui ci accoglie sempre! Tutti siamo peccatori: cerchiamo di non giudicare mai i nostri fratelli. Prima di guardare, per cercare la pagliuzza nei fratelli… vediamo se in noi c’è la trave! Tutti, lo ripeto, siamo peccatori e tutti desideriamo essere riaccolti, non rifiutati, ma perdonati così come il Padre fa con noi. Ringraziamo oggi il Signore per il dono della Sua infinita Misericordia, ringraziamolo per la gioia che ci dà del perdono.

InvochiamoLo, chiedendoGli di farci sentire la gioia di essere perdonati…una gioia “traboccante” così da imparare ad essere misericordiosi verso tutti i fratelli. Il Signore ci chiama oggi ad essere come Lui: ad amare come ama Lui, a perdonare come sempre ci perdona Lui. Non è facile, ma confidiamo sempre nel Signore. Possa oggi questa Parola compiere il prodigio di renderci misericordiosi come Misericordioso è il Padre Nostro! Apriamo il nostro cuore, accogliamo questa Parola, ASCOLTIAMOLA e lasciamoci cambiare da Essa… ADESSO….non rimandiamo più. Chiediamo al Signore di effondere nei nostri cuori il Suo Amore per essere misericordiosi come Lui e poi ANDIAMO…. PERDONIAMO!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedente3 Minuti di Catechismo – 37 Cos’è la Confermazione?
Articolo successivoA 12 anni la sua lotta contro l’aborto
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.