“Non potete bere il calice del Signore e il calice dei demoni”

Vangelo Illustrato di Cristian Nencioni

12/09/2020
✝DALLA PRIMA LETTERA DI SAN PAOLO APOSTOLO AI CORINZI 10,14-22

Miei cari, state lontani dall’idolatria. Parlo come a persone intelligenti. Giudicate voi stessi quello che dico: il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse comunione con il sangue di Cristo? E il pane che noi spezziamo, non è forse comunione con il corpo di Cristo? Poiché vi è un solo pane, noi siamo, benché molti, un solo corpo: tutti infatti partecipiamo all’unico pane. Guardate l’Israele secondo la carne: quelli che mangiano le vittime sacrificali non sono forse in comunione con l’altare?
Che cosa dunque intendo dire? Che la carne sacrificata agli idoli vale qualcosa? O che un idolo vale qualcosa? No, ma dico che quei sacrifici sono offerti ai demòni e non a Dio.
Ora, io non voglio che voi entriate in comunione con i demòni; non potete bere il calice del Signore e il calice dei demòni; non potete partecipare alla mensa del Signore e alla mensa dei demòni. O vogliamo provocare la gelosia del Signore? Siamo forse più forti di lui?

Parola di Dio

🕯SCINTILLA DI LUCE
12/09/2020 Dalla prima lettera di San Paolo Apostolo ai Corinzi 10,14-22

“Non potete bere il calice del Signore e il calice dei demoni”.

🔥Ogni Messa è comunione profonda, effettiva e reale con Cristo e con tutti i fratelli. Quando ci si mette in comunione con il sangue e il corpo di Cristo, ci si mette in comunione con tutti i fratelli che sono generati come una unità vivente dalla comunione con quel corpo e con quel sangue “sacrificato”. Quando serviamo l’idolo del denaro, l’idolo del potere… dell’affermazione, dell’orgoglio, della vanagloria…siamo invece in comunione con i demoni e questo Dio non lo vuole! La Parola oggi ci dice infatti che “non possiamo bere il calice del Signore e il calice dei demoni”.

Leggi di più:  Nel Tempo di Gerusalemme Gesù incontra il suo popolo

La Comunione Eucaristica oltre ad essere ringraziamento a Dio e gioia… è forza per spezzare ogni comunione con i demoni. Lasciamoci aiutare! Partecipi all’Eucaristia? Ma non andando solo quando si ha tempo… non andando solo se non si ha altro da fare e non partecipando come quando si va al cinema o al teatro! L’ Eucarestia è comunione vera con Cristo, è incontro effettivo, è partecipazione attiva. Non si assiste a uno spettacolo. Il Miracolo eucaristico lo vedi e lo vivi perché gradualmente ti cambia e ti salva! Non perdere più l’opportunità di partecipare all’Eucaristia e non solo nei giorni festivi…Che gioia è vivere questa COMUNIONE ogni giorno!! In questo giorno solenne, consacriamoci alla Madonna, Lei ci aiuterà a vivere la perfetta COMUNIONE con Cristo, e in Cristo, con tutti i fratelli.
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedente3 Minuti di Catechismo – 63 Che cosa è il purgatorio?
Articolo successivoLa scuola? Deve tornare “umana”!
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.