“Nulla vi sarà impossibile”

Illustrazioni di Cristian Nencioni

 08/08/2020
✝ VANGELO MATTEO 17,14-20

In quel tempo, si avvicinò a Gesù un uomo che gli si gettò in ginocchio e disse: «Signore, abbi pietà di mio figlio! È epilettico e soffre molto; cade spesso nel fuoco e sovente nell’acqua. L’ho portato dai tuoi discepoli, ma non sono riusciti a guarirlo».

E Gesù rispose: «O generazione incredula e perversa! Fino a quando sarò con voi? Fino a quando dovrò sopportarvi? Portatelo qui da me». Gesù lo minacciò e il demonio uscì da lui, e da quel momento il ragazzo fu guarito.

Allora i discepoli si avvicinarono a Gesù, in disparte, e gli chiesero: «Perché noi non siamo riusciti a scacciarlo?». Ed egli rispose loro: «Per la vostra poca fede. In verità io vi dico: se avrete fede pari a un granello di senape, direte a questo monte: “Spòstati da qui a là”, ed esso si sposterà, e nulla vi sarà impossibile».

Parola del Signore

🕯SCINTILLA DI LUCE 8/8/2020 Matteo 17,14 -20

“Nulla vi sarà impossibile”.

🔥Nulla ci sarà impossibile se riusciremo ad aver fede quanto un granello di senape! Aver fede vuol dire fidarsi di Dio, abbandonarsi a Dio ed accoglierlo dentro di noi. Ma come si fa ad aver fede, senza dare a Dio, ogni giorno, uno spazio per la preghiera. Curiamo il nostro dialogo con il Signore, chiediamo di insegnarci a pregare. Chiediamoglielo nello Spirito Santo e vedremo come Esso ci risponderà. “Bussiamo” sempre, anche e soprattutto quando Dio tace. A volte infatti sperimentiamo il silenzio di Dio e ci chiediamo: “Ma Dio non vede? Perché tace davanti a questa situazione?”.

Non è Dio che tace fratelli, ma è l’uomo che tace, è l’uomo assente, o perché non riesce a cogliere le risposte che Dio vuol dargli, o perché non si hanno gli strumenti per recepire la risposta. Mi spiego meglio: l’uomo da Dio pretende sempre, pretende e attende, ma spesso “non chiede realmente o chiede male”. Il Padre allora, per liberarlo dalle sue false pretese, “tace” per portare l’uomo ad elevare a Lui il suo grido di speranza, in un dialogo che Dio vuole….in un abbandono che segue spesso il grido, a volte tra lacrime, di un figlio verso il padre. Dio tace a volte per educarci alla fede, alla relazione nuova e salvifica con Lui, e quando ne intravede l’ accenno… farà sentire il Suo abbraccio Paterno… il Suo segno di Vero Amore nel farci vedere il cielo, non aperto, ma spalancato… che prima “non si vedeva ma c’era già.” Dio tace a volte, come un vero padre fa con un figlio a cui ha rivelato il Suo Amore e il suo messaggio di salvezza….mentre il figlio continua a essere disinteressato.

Leggi di più:  "Non chiunque mi dice: "Signore, Signore", entrerà nel regno dei cieli"

Allora il padre tace, con gli occhi su di lui, attendendo che il figlio maturi e comprenda ciò che il padre gli ha detto. La stessa cosa può accadere tra noi e Nostro Padre: Dio attende noi suoi figli tacendo dopo aver parlato, ma non abbandonandoci MAI! Il Padre ci ha già parlato infatti attraverso i profeti, Gesù, gli evangelisti… Invece di guardare il silenzio di Dio, cerchiamo di parlare noi a Dio, di pregare… Cerchiamo di aver fede perché, quando l’avremo veramente, nulla ci sarà impossibile!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedente3 Minuti di Catechismo – 33 Come ci arriva la grazia della salvezza?
Articolo successivoLa pedofilia dilaga nel mondo e qualcuno ha interesse a coprirla
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.