Pandemia e lockdown: accendiamo candele nel buio!

Candela
CC0 Pixabay

In questa convulsa fase della seconda ondata di Covid, tra le poche certezze che abbiamo vi è che questa volta a messa si potrà andare. Salvo imprevedibili peggioramenti della pandemia, la libertà di culto è salva. Ogni istante trascorso accanto a Dio nell’eucaristia, è un dono incommensurabile, di cui ogni fedele dovrebbe essere sempre grato. Partendo da questa premessa, va comunque preso atto che, da marzo a oggi, anche su questo fronte non è affatto andato “tutto bene”. Non solo è nettamente crollata la partecipazione alle liturgie domenicali, ma è anche chiaro come il sole, che la salute spirituale della gente non è in ottimo stato e che, anche tra i cattolici praticanti, si registra stanchezza, esasperazione, angoscia e malinconia. Anche a messe ripristinate, molte attività, dagli incontri oratoriali ai ritiri, fino ai raduni nazionali e regionali delle grandi comunità laicali, hanno subito uno stop o un brusco rallentamento. Abbiamo assistito, è vero, al boom delle catechesi in videocall, tuttavia questa modalità – in ogni caso utile nelle emergenze – non è pienamente soddisfacente per chi voglia cementare un vero rapporto di fraternità nella preghiera. Va anche aggiunto che non sempre i sacerdoti e le guide spirituali si sono rivelati all’altezza, quando si è trattato di rincuorare i loro fedeli e parrocchiani, al cospetto di un evento senza precedenti, mai vissuto da questa generazione.

In questo nuovo delicato passaggio, la tentazione dello scoraggiamento è forte come e più di prima. L’abissale solitudine in cui molti si ritrovano può diventare l’anticamera della disperazione oppure, al contrario, l’occasione di un nuovo incontro con Dio. Ritrovarsi isolati e in un lockdown più o meno stringente, di per sé, non è affatto un bene. Ciononostante, Dio, come in ogni situazione, può usare un male per il compimento di un bene più grande. Non sta certo a noi fare prediche o dare suggerimenti su come vivere queste settimane difficili. Possiamo però prendere atto della realtà presente e mettervi in pratica tutto ciò che la Chiesa ci ha insegnato: non astratte e sofisticate dottrine, né meri principi morali, bensì modi di essere che avvicinano l’uomo a Dio, “cristificandolo”.

Leggi di più:  San Valentino, la preghiera dei fidanzati

In primo luogo, non dobbiamo mai dimenticare che Dio ha il potere di guarire sia l’anima che il corpo. Se Gesù ha compiuto guarigioni scientificamente inspiegabili e ha continuato a farlo nei secoli attraverso l’intercessione dei santi, per quale motivo non potrà guarire i malati di Covid? Il che potrà sembrare anche una banalità ma è importante ricordare costantemente che, soprattutto nella malattia, Dio non lascia mai soli i suoi figli. L’onnipotenza di Dio non si limita alla guarigione delle singole persone ma arriva anche a fermare pestilenze e pandemie. Già a marzo, avevamo ricordato le varie occasioni in cui, supplicando Gesù, la Madonna o i santi, il popolo è riuscito a fermare flagelli ben peggiori dell’attuale. E noi vogliamo credere che una cosa del genere non sia possibile nel tempo che viviamo? Non si tratta, ovviamente, di sminuire il ruolo della scienza o della medicina ma, al contrario, di corroborarle, affinché realizzino appieno la loro missione di salvare vite umane.

La preghiera per la guarigione da una malattia o per la fine di una pandemia, comunque, non va mai disgiunta da un altro principio imprescindibile che ci è sempre stato insegnato: chiedere a Dio che ci sollevi dalla croce che portiamo addosso è legittimo, tuttavia è di gran lunga più importante supplicarlo di aiutarci a portare quella stessa croce. La nostra generazione è cresciuta senza mai imparare a soffrire. Qualunque patimento, anche di piccola entità, è sempre visto come un ostacolo insormontabile, senza pensare che, in realtà, dalle sventure e dai fallimenti di qualunque natura, si può trarre una lezione per crescere e temprare il nostro carattere. Non è assolutamente volontà di Dio tenerci nella sofferenza, tuttavia Egli la permette, per renderci compagni del suo cammino di redenzione che passa necessariamente per il Calvario. Eccoci, quindi, a una conclusione che più scandalosa e controcorrente non si può: possiamo essere felici già sotto il peso nostra croce. Perché, quindi, non potremmo esserlo anche in tempo di Covid?

Leggi di più:  Il valore della sofferenza nella Bibbia e per i Santi

Ultimo ma non ultimo: prima ancora che preservare il nostro corpo dai virus, preserviamo la nostra mente dai pensieri tristi. Anche quest’ultima non è un’affermazione ovvia, poiché la negatività si insinua nell’animo in modi subdoli, ad esempio, partendo da preoccupazioni legittime, che, a poco a poco, diventano vere e proprie nevrosi e ossessioni. Lo possiamo toccare con mano in questi mesi, in cui siamo bombardati ogni giorno e ogni ora da vagonate di notizie sempre più catastrofiche, in grado di modificare in negativo la nostra percezione della realtà. Anche per queste ragioni, è importante non solo pregare ma anche meditare, facendolo con modalità giuste e rigorose, consigliati – chi ce l’ha – dal proprio direttore spirituale. Vi sono tanti tipi di meditazione accettati e, in alcuni casi, addirittura consigliati dal magistero ecclesiale, che coinvolgono sia l’anima che il corpo. Non è peregrino ricordare che, con il Signore non si intreccia mai un monologo ma sempre un dialogo. Per ascoltare cosa Dio ci dice, allora, è fondamentale sgomberare l’anima dai nostri pensieri, specie se tristi e angoscianti, per far entrare Lui. Affinché corpo e anima arrivino ben allenati a questo incontro, compatibilmente con quanto consentito dall’ultimo DPCM, può essere di grande aiuto camminare molto o fare attività fisica all’aperto, osservando cose, ascoltando suoni e annusando odori che un minimo ci allontanino dagli aspetti più alienanti della nostra quotidianità. Stando certi che Dio può parlarci addirittura attraverso l’odore inebriante dell’arrosto che arriva dalle case circostanti o il canto degli uccelli al mattino. Tante piccole candele, apparentemente insignificanti, che contribuiscono anch’esse a illuminare il buio di questo tempo.

Leggi di più:  Coronavirus: i polacchi pregano per l’Italia