Papa Francesco: amare nella verità

Spesse volte ci confondiamo nel nostro mondo relazionale. Ci sembra e diventa pure una tentazione, che i rapporti belli siano quelli in cui ci intendiamo alla perfezione, in cui ci confermiamo reciprocamente, ci sorridiamo, ci intendiamo al volo. Mentre ogni rapporto umano arriva sempre a una sua fase critica in cui l’intesa si indebolisce, ma questo non significa affatto che la relazione perde di valore. 

Per parlarci di questo oggi, Papa Francesco nella catechesi dell’udienza, prende come esempio il rapporto tra Pietro e Gesù. Un rapporto da uomini e nella verità. Così, il Vangelo di Giovanni, così spirituale, così alto, si chiude con una struggente richiesta e offerta d’amore tra Gesù e Pietro, che si intreccia, con tutta naturalezza, con una discussione tra di loro.

Allora la domanda viene rivolta anche a ciascuno di noi. Qual è la nostra idea delle relazioni interpersonali? Siamo in grado di costruirne delle mature, cioè consapevoli che ogni sentimento e ogni emozione può esserci tra le persone, ogni cosa è legittima, se sappiamo farne uso positivo? O ci aspettiamo, specie da Gesù, come esempio, un atteggiamento zuccheroso? Questo, che sembra rispetto, in realtà ci allontana dal vero Gesù, e diventa persino occasione per un cammino di fede molto astratto, molto autoreferenziale, molto mondano, che non è la strada di Gesù. Gesù è il Verbo di Dio fatto uomo, e Lui si comporta come uomo, Lui ci parla come uomo, Dio-uomo. Con questa tenerezza, con questa amicizia, con questa vicinanza. Gesù non è come quell’immagine zuccherosa delle immaginette, no: Gesù è alla mano nostra, è vicino a noi. 

Gesù è molto schietto. Nel corso della discussione di Gesù con Pietro, troviamo due passaggi che riguardano precisamente la vecchiaia e la durata del tempo: il tempo della testimonianza, il tempo della vita. Il primo passo è l’avvertimento di Gesù a Pietro: quando eri giovane eri autosufficiente, quando sarai vecchio non sarai più così padrone di te e della tua vita (…) Non abbiamo la forza dei giovani! E anche la tua testimonianza – dice Gesù – si accompagnerà a questa debolezza. Tu devi essere testimone di Gesù anche nella debolezza, nella malattia e nella morte. 

Papa Francesco sottolinea come questa pagina contenga un insegnamento molto prezioso per noi. Imparare dalla nostra fragilità ad esprimere la coerenza della nostra testimonianza di vita nelle condizioni di una vita largamente affidata ad altri, largamente dipendente dall’iniziativa di altri. Con la malattia, con la vecchiaia la dipendenza cresce e non siamo più autosufficienti come prima; cresce la dipendenza dagli altri e anche lì matura la fede, anche lì c’è Gesù con noi, anche lì sgorga quella ricchezza della fede ben vissuta durante la strada della vita.

Il protagonismo da abbandonare e la capacità di continuare a curare la nostra vita, ecco le due sfide di questa età non facile. Alle volte il protagonista deve diminuire, deve abbassarsi, accettare che la vecchiaia ti abbassa come protagonista. Ma avrai un altro modo di esprimerti, un altro modo di partecipare nella famiglia, nella società, nel gruppo degli amici. Ed è la curiosità che viene a Pietro: “E lui?”, dice Pietro, vedendo il discepolo amato che li seguiva (cfr vv. 20-21). Ficcare il naso nella vita degli altri. E no: Gesù dice: “Stai zitto!”.

Un punto molto importante questo. Dice infatti il Pontefice: noi anziani non dovremmo essere invidiosi dei giovani che prendono la loro strada, che occupano il nostro posto, che durano più di noi. L’onore della nostra fedeltà all’amore giurato, la fedeltà alla sequela della fede che abbiamo creduto, anche nelle condizioni che ci avvicinano al congedo della vita, sono il nostro titolo di ammirazione per le generazioni che vengono e di grato riconoscimento da parte del Signore. Imparare a congedarsi: questa è la saggezza degli anziani. Ma congedarsi bene, con il sorriso; imparare a congedarsi in società, a congedarsi con gli altri. 

L’appello finale resta sempre quello alla reciproca scoperta, tra le diverse generazioni. Guardiamo gli anziani, guardiamoli, e aiutiamoli affinché possano vivere ed esprimere la loro saggezza di vita, che possano darci quello che hanno di bello e di buono. Guardiamoli, ascoltiamoli. E noi anziani, guardiamo i giovani sempre con un sorriso: loro seguiranno la strada, loro porteranno avanti quello che abbiamo seminato, anche quello che noi non abbiamo seminato perché non abbiamo avuto il coraggio o l’opportunità: loro lo porteranno avanti. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here