“Pietà di me, Signore, figlio di Davide!….Signore, aiutami!”

Illustrazioni Vangelo Cristian Nencioni

 05/08/2020
✝ VANGELO MATTEO 15,21-28

In quel tempo, Gesù si ritirò verso la zona di Tiro e di Sidòne. Ed ecco, una donna cananea, che veniva da quella regione, si mise a gridare: «Pietà di me, Signore, figlio di Davide! Mia figlia è molto tormentata da un demonio». Ma egli non le rivolse neppure una parola.

Allora i suoi discepoli gli si avvicinarono e lo implorarono: «Esaudiscila, perché ci viene dietro gridando!». Egli rispose: «Non sono stato mandato se non alle pecore perdute della casa d’Israele».

Ma quella si avvicinò e si prostrò dinanzi a lui, dicendo: «Signore, aiutami!». Ed egli rispose: «Non è bene prendere il pane dei figli e gettarlo ai cagnolini». «È vero, Signore – disse la donna –, eppure i cagnolini mangiano le briciole che cadono dalla tavola dei loro padroni».

Allora Gesù le replicò: «Donna, grande è la tua fede! Avvenga per te come desideri». E da quell’istante sua figlia fu guarita.

Parola del Signore

 🕯SCINTILLA DI LUCE
5/08/2020 Matteo 15,21 -28

“Pietà di me, Signore, figlio di Davide!….Signore, aiutami!”.

🔥Io sono convinta, e oggi l’affermo ancora, che la radice delle sofferenze è l’ASSENZA del Signore! Quando Gesù infatti è presente…. quando cioè “rendiamo” VIVO il Signore nella nostra vita con la Fede, o si soffre poco o non si soffre MAI, anche nelle svariate grandi prove e tribolazioni. La sofferenza è per qualcuno infatti il più grande dono da vivere e da offrire! La Fede dà forza, la Fede tutto fa sopportare. La Fede smuove le montagne, fa camminare sulle acque in tempesta. Davanti a uomini o donne di grande Fede, Gesù fa risorgere dai morti, libera dal demonio, guarisce ciechi, storpi, muti e sordi. Ma perché questi uomini e donne riescono ad avere l’attenzione di Gesù?

Leggi di più:  La "Misura" del perdono è nel cuore dell'umile

Perché loro hanno attenzione a Gesù! Loro hanno compreso che Gesù è il Messia, il Salvatore, come la donna cananea della Parola. Lei, pur essendo straniera, si mette a gridare forte: “Pietà di me, Signore, figlio di Davide”. Gesù è pronto e disponibile ad esaudire le nostre richieste se queste sono il nostro bene e se crediamo in Lui… se diciamo anche noi: “Signore aiutami!”. Il Signore non si può prendere in giro. Lui guarda nel profondo del nostro cuore, Lui ha attenzione su TUTTI e ci conosce bene tutti. Gesù ha compiuto prodigi nel passato davanti a tutti, e ancora oggi la Parola parla a ciascuno di noi….nessuno escluso e compie gli stessi prodigi, ma non tutti ascoltano e credono! Quanti oggi, soprattutto tra i giovani, ignorano la presenza di Gesù tra noi! Quante Messe distratte si vivono, quante Messe senza partecipazione attiva ma solo per consuetudine…. partecipate solo quando non si ha altro da fare! Quanti leggono, ascoltano, contemplano e si lasciano cambiare dalla Parola oggi? È questa l’attenzione che diamo al Signore? Genitori, educhiamo i nostri figli alla preghiera quotidiana. Cosa ne abbiamo fatto delle preghiere del mattino e della sera, che nelle famiglie del passato si elevavano al Signore, spesso insieme? Anche se l’attenzione dell’uomo oggi cresce su altro, quella di Dio rimane sempre per le Sue creature! Non meravigliamoci però se il Signore esaudisce qualcuno e non tutti! Tu, a Fede, come sei messo? Sei abbastanza umile da gridare: “Pietà di me, Signore, aiutami” ?Se si esclude il Signore dalla propria vita, non è colpa di Dio! Forse oggi è di non pochi genitori!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteMaria e Gesù ci indicano la strada per non avere paura del male e del futuro
Articolo successivoIl significato del TAU francescano
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.