Scintilla di luce della Parola

06/10/19
✝ VANGELO LUCA 17,5-10

In quel tempo, gli apostoli dissero al Signore: «Accresci in noi la fede!».

Il Signore rispose: «Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso: “Sràdicati e vai a piantarti nel mare”, ed esso vi obbedirebbe.

Chi di voi, se ha un servo ad arare o a pascolare il gregge, gli dirà, quando rientra dal campo: “Vieni subito e mettiti a tavola”? Non gli dirà piuttosto: “Prepara da mangiare, stríngiti le vesti ai fianchi e sérvimi, finché avrò mangiato e bevuto, e dopo mangerai e berrai tu”? Avrà forse gratitudine verso quel servo, perché ha eseguito gli ordini ricevuti?

Così anche voi, quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: “Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare”».

 SCINTILLA DI LUCE🕯
06/10/19 Luca 17, 5- 10

“Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso: “sradicati e vai a piantarti nel mare, ed esso vi obbedirebbe”.

🔥La nostra preghiera è tanto più efficace quanto più grande è la nostra fede in Cristo Salvatore! La Fede è Dio stesso che si comunica e si dona a chi si fida di Lui. Aver Fede vuol dire superare il nostro limite umano ed entrare nella pienezza di luce che ci viene dal Padre. Come si fa? Abbandonandoci! Fidandoci!

Oggi testimonio, per l’ennesima volta forse, che le più grandi grazie, i più grandi miracoli nella mia vita, li ho sperimentati quando mi sono arresa e mi sono fidata di Dio, lasciando fare a Lui in me e per me. Mi è accaduto nel lavoro, quando dopo aver vinto 8 concorsi in ospedale, dopo 7 anni di essere in graduatoria disoccupata supplicando Dio…. solo quando ho detto al Padre: “Sia fatta la tua Volontà!”, mi hanno chiamata tutti in un anno. Mi è successo quando ero crocifissa in un letto per un problema di salute irrisolvibile dalla medicina: mi sono arresa, ho accettato la croce e morendoci, in Gesù, l’ho sconfitta. Oggi cammino! Ho avuto fede, cioè mi sono fidata di Dio sposando un uomo con poche probabilità di felicità, oggi sono felice! Ancora ho avuto fede in diverse circostanze di “prove di salute” per i miei figli…guariti sempre! L’ultima prova, meno di 6 mesi fa, è stata quella che riguarda la mia mamma che ha scansato una setticemia dopo 4 mesi di ricovero ospedaliero per un’infezione di protesi al ginocchio.

Leggi di più:  "Rabbi', tu sei il figlio di Dio, tu sei il Re di Israele"

Cosa sarebbe della mia vita senza la fede? Cosa sarebbe la mia vita senza Dio? Non sarebbe vita!! La Fede, lo RIAFFERMO con piena convinzione può:” sradicare, piantare, rimuovere, distruggere e far sorgere e risorgere TUTTO!” Il Signore ci conceda il desiderio di inoltrarci in Lui, nella Sua Sapienza, per vivere con Lui e per Lui ora e per sempre!
DIO CI BENEDICA💕🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteIl Genocidio del Rwanda profetizzato dalla Madonna di Kibeho: il racconto di chi è sopravvissuto!
Articolo successivo“Il crocifisso resta nelle scuole italiane!” Parola di Vittorio Sgarbi
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.