Scintilla di luce della Parola

16/11/19
✝ VANGELO LUCA 18,1-8

In quel tempo, Gesù diceva ai suoi discepoli una parabola sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi mai:
«In una città viveva un giudice, che non temeva Dio né aveva riguardo per alcuno. In quella città c’era anche una vedova, che andava da lui e gli diceva: “Fammi giustizia contro il mio avversario”.
Per un po’ di tempo egli non volle; ma poi disse tra sé: “Anche se non temo Dio e non ho riguardo per alcuno, dato che questa vedova mi dà tanto fastidio, le farò giustizia perché non venga continuamente a importunarmi”».
E il Signore soggiunse: «Ascoltate ciò che dice il giudice disonesto. E Dio non farà forse giustizia ai suoi eletti, che gridano giorno e notte verso di lui? Li farà forse aspettare a lungo? Io vi dico che farà loro giustizia prontamente. Ma il Figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?».

SCINTILLA DI LUCE🕯
16/11/19 Luca 18, 1-8

“Gesù diceva ai suoi discepoli una parabola sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi mai”.

🔥La Parabola di oggi sulla “vedova che importuna il giudice” ci deve portare ad un insegnamento: Gesù vuole che perseveriamo nella preghiera! Ma perché Gesù insiste sul fatto che non dobbiamo MAI smettere di pregare? Perché la preghiera ci unisce a Dio, e solo quando siamo UNITI a Dio, noi VIVIAMO la Sua volontà, e se la viviamo, ci SANTIFICHIAMO! Chiediamoci oggi: “il figlio dell’uomo quando verrà, troverà la Fede sulla terra?” Ci troverà perseveranti, puri di cuore e meritevoli della Santità? Sì… Solo se saremo stati PERSEVERANTI nell’amore a Gesù, perché se avremo seguito l’esempio di Gesù e di Maria Santissima, avremo certamente mantenuto la Fede… tra le svariate prove e croci. Immersi tra le prove infatti che la vita quotidiana spesso ci fa vivere, la preghiera ci aiuta ad affrontare tutto e a vincere ogni caduta, ogni angoscia e depressione.

La preghiera ci rende forti nella speranza e forti nel combattimento. Il Cristiano che non combatte più e che perde la speranza, non è più Cristiano, e Gesù questo “non lo può permettere”, per questo ci racconta questa Parabola. Anche quando non abbiamo voglia di pregare, perché angosciati e delusi, “PREGHIAMO con PERSEVERANZA”. Anche quando l’ACCIDIA ci disturba, preghiamo! Io aggiungo, per esperienza, che quando la croce ci sta schiacciando, preghiamo di più, lodiamo di più il Signore, invochiamo di più lo Spirito Santo! È lo Spirito Santo che ci fa vedere i nostri limiti, i nostri peccati, le nostre miserie…. e quando le vediamo, è allora che la nostra speranza cresce…è solo allora che capiamo che “solo in Dio riposa l’anima nostra” e che abbiamo bisogno di Dio: “Vera Luce” sul nostro cammino… QUINDI riusciamo ad alzarci! Quando il male attorno a noi ci fa vedere “giusto” il non pregare più…è allora che dobbiamo pregare di più! PERSEVERANDO, lo capiremo. Segui il mio consiglio!
DIO CI BENEDICA💕🙏🏻
M.C.M.