Scintilla di luce della Parola

 24/02/2020
✝ DALLA LETTERA DI SAN GIACOMO APOSTOLO 3,13-18

Fratelli miei, chi tra voi è saggio e intelligente? Con la buona condotta mostri che le sue opere sono ispirate a mitezza e sapienza. Ma se avete nel vostro cuore gelosia amara e spirito di contesa, non vantatevi e non dite menzogne contro la verità.
Non è questa la sapienza che viene dall’alto: è terrestre, materiale, diabolica; perché dove c’è gelosia e spirito di contesa, c’è disordine e ogni sorta di cattive azioni. Invece la sapienza che viene dall’alto anzitutto è pura, poi pacifica, mite, arrendevole, piena di misericordia e di buoni frutti, imparziale e sincera.
Per coloro che fanno opera di pace viene seminato nella pace un frutto di giustizia.

Parola di Dio

SCINTILLA DI LUCE🕯
24/02/2020 Dalla lettera di San Giacomo Apostolo 3,13 -18

“Ma se avete nel vostro cuore gelosia amara, spirito di contesa, non vantatevi e non dite menzogne contro la verità”.

🔥Sono d’accordo con Don Oreste Bensi quando afferma: “non c’è dramma peggiore per la Chiesa Cattolica dell’invidia, della gelosia tra i suoi membri, tra i gruppi ecclesiali, tra le Parrocchie”. Se nel nostro cuore infatti c’è “gelosia amara, spirito di contesa”, in noi non c’è la Sapienza di Dio che è “pura, pacifica, mite, piena di misericordia”…come ci dice la Parola. La gelosia e lo spirito di contesa è sapienza terrestre, materiale…diabolica.

Quest’ultima l’ho incontrata nel mio cammino, ma non nel mio cuore. Più di una persona infatti ha tentato di scoraggiarmi nel mio apostolato tra le famiglie, con i poveri e tra gli ultimi; tra queste persone purtroppo ci sono stati anche dei Sacerdoti e responsabili di gruppi, che non solo non mi hanno aiutata nel mio apostolato, ma lasciandomi sola, qualcuno mi ha pure accusata di essere “una cellula solitaria”. Io non potevo fermarmi, la “perla preziosa”, cioè Gesù Cristo, che ho scoperto nella mia vita…. non potevo tenerla per me. Sulle loro parole, accolte umilmente, ho fatto discernimento e più volte ho pregato per loro e per me, chiedendo al Signore cosa ci fosse nel loro e nel mio cuore: gelosia e spirito di contesa, oppure un progetto nuovo che Dio stava pianificando…anche come “cellula solitaria”! Invocando lo Spirito Santo ho sentito che l’atteggiamento giusto sarebbe stato quello di mettere a tacere ogni “eventuale” spirito di contesa tra gruppi e di continuare a camminare TUTTI verso la santità, anche separatamente. Lavoriamo tutti per la gloria di Dio e non per la nostra gloria! Ciascuno aspiri alla Santità e a far sì che tutti i fratelli raggiungano lo stesso traguardo, seguendo la propria chiamata.

Leggi di più:  Scintilla di luce della Parola

Seguiamo la spiritualità a cui siamo chiamati, VIGILANDO solo sul fatto che c’è un unico maestro: Dio …e un’unica lezione da apprendere e da condividere: Amare e adorare Dio e farlo adorare ed amare da tutti, educando a respingere ogni male. Io ho sentito di farlo in questo modo: Adorando Dio in Spirito e Verità e condividendo la Parola e la Scintilla di Luce. È un metodo moderno per evangelizzare, o meglio per seminare, agendo come “lievito” e non come cellula solitaria perché agisco nella Chiesa, con l’ approvazione di un Sacerdote, mia guida spirituale, Unita nell’obbedienza alla Trinità!! All’inizio del mio apostolato ho anche chiesto il parere del mio Vescovo che mi ha affidata al responsabile dell’ufficio Catechistico Diocesano. Ho scelto di non voler verificare quante persone leggono, solo offro tutto al Signore, FIDANDOMI di Lui.

Solo Dio sa infatti i frutti, se ce ne saranno, di questo umile, indegno a mio parere ed impegnativo servizio. Io rispetto tutte le spiritualità e se sono una “cellula solitaria”… non ho scelto io di esserlo. Io solo ho chiesto di non sapere, né vedere mai i frutti…per non scoraggiarmi né insuperbirmi. È forse infatti mia la gloria? NO! A Dio ogni onore e gloria!!!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteAngelus “Mediterraneo,come frontiera di pace”
Articolo successivoPaolo Palumbo dal Festival di Sanremo, in giro nelle scuole per sensibilizzare i ragazzi: la vita è un dono e va amata e protetta
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.