Scintilla di luce della Parola

02/03/2020
✝DAL LIBRO DEL LEVITICO 19,1-2.11-18

Il Signore parlò a Mosè e disse:

«Parla a tutta la comunità degli Israeliti dicendo loro: “Siate santi, perché io, il Signore, vostro Dio, sono santo.
Non ruberete né userete inganno o menzogna a danno del prossimo.
Non giurerete il falso servendovi del mio nome: profaneresti il nome del tuo Dio. Io sono il Signore.
Non opprimerai il tuo prossimo, né lo spoglierai di ciò che è suo; non tratterrai il salario del bracciante al tuo servizio fino al mattino dopo.
Non maledirai il sordo, né metterai inciampo davanti al cieco, ma temerai il tuo Dio. Io sono il Signore.
Non commetterete ingiustizia in giudizio; non tratterai con parzialità il povero né userai preferenze verso il potente: giudicherai il tuo prossimo con giustizia. Non andrai in giro a spargere calunnie fra il tuo popolo né coopererai alla morte del tuo prossimo. Io sono il Signore.
Non coverai nel tuo cuore odio contro il tuo fratello; rimprovera apertamente il tuo prossimo, così non ti caricherai d’un peccato per lui. Non ti vendicherai e non serberai rancore contro i figli del tuo popolo, ma amerai il tuo prossimo come te stesso. Io sono il Signore”».

Parola di Dio

 SCINTILLA DI LUCE🕯
2/03/2020 Dal libro del Levitico 19,1-2.11- 18

“Siate santi, perché io, il Signore, vostro Dio, sono santo”.

🔥Qual è la via per essere “Santi” come Santo è il Signore, nostro Dio? Per quanto capisco io che non sono teologa, ci si può riuscire amando come ama Dio, che ha dato pure la vita, in Gesù, per ciascuno dei Suoi figli…ma per tutti i suoi figli, anche i peccatori! La via è spiegata più avanti, in questa stessa Parola, alla fine: “Non andrai in giro a spargere calunnie… né coopererai alla morte del tuo prossimo…”.

Leggi di più:  Scintilla di luce della Parola

Poi ancora: “Non coverai odio… né ti vendicherai e non serberai rancore, ma amerai il tuo prossimo come te stesso”. Non si può pretendere di essere in comunione con Dio se non si è “un cuor solo e un’anima sola” con tutti i fratelli! Se voglio diventare santa, come Santo è il mio Dio, io non posso amare Dio, pregarlo sempre, stare con Lui (che è giusto fare e ci fa bene) e non far niente quando non riesco ad amare i fratelli! Non si può entrare in pianezza, nella profondità di Dio, se prima non si cammina nell’unità di cuore con tutti fratelli, perché Dio abita in loro! Anche se siamo davanti a Dio sempre, se non vogliamo amare tutti, le distanze tra noi e Dio sono tante, e non si può godere della Santità, del gaudio che è Dio! Queste distanze diminuiscono quando decidiamo di respingere ogni odio, ogni rancore e calunnia, e decidiamo di volere riconciliarci.

Queste distanze scompaiono quando, con la GRAZIA di Dio, frutto della preghiera e dei Sacramenti, riusciamo ad amare tutti. Non c’è Santo in Paradiso che si è portato l’odio verso un fratello in cuor suo! Dio è FONTE di Amore, e si va a Lui con cuore sincero, non illudiamoci di poter prendere in giro Dio! La preghiera è più efficace quando siamo capaci di far verità in noi! Andando da Dio, in preghiera davanti al Roveto ardente, presentiamo le nostre eventuali difficoltà ad amare. Invochiamo lo Spirito Santo in noi e adoriamo Dio aprendo il cuore a Lui con questa semplice preghiera che consiglio: “Padre, io voglio essere Santa come Santo sei tu, fammi perdonare, fammi amare tutti, aiutami a vincere questo mio rancore che ho nel cuore…. Intervieni tu, ti presento il mio cuore…”.

Leggi di più:  Cristian Nencioni “L’illustratore di Dio”

Questo è un passo importante, a volte è il primo e l’ultimo perché Dio ama e premia i cuori semplici e sinceri e subito li esaudisce. Dio fa festa quando un peccatore torna a Lui ed è SINCERO, Vero. Santo è solo Dio, ma il Padre ci aiuta ad “essere Santi come Lui è Santo” e ci vuole aiutare a farci vivere il gaudio eternamente. Non ci comanda e non ci abbandona! Ci ha dato Gesù, i Sacramenti, l’esempio di Maria Ss, dei Santi e soprattutto abbiamo Lui, vivo tra noi, nel Roveto ardente (Eucaristia), la fonte di Amore. Solo chi non vuole Amare e non vuole perdonare non ci riuscirà… e come potrà essere Santo? Se lo vogliamo veramente, questo è un miracolo che Dio ci concede sempre, ma chiediamoglielo!!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteLa Sindone di Torino ha cambiato la mia vita
Articolo successivoSant’Antonio abate : nel deserto per fiorire in Dio
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.