Scintilla di luce della Parola

 18/11/19
✝ VANGELO LUCA 18,35-43
 
Mentre Gesù si avvicinava a Gèrico, un cieco era seduto lungo la strada a mendicare. Sentendo passare la gente, domandò che cosa accadesse. Gli annunciarono: «Passa Gesù, il Nazareno!».
Allora gridò dicendo: «Gesù, figlio di Davide, abbi pietà di me!». Quelli che camminavano avanti lo rimproveravano perché tacesse; ma egli gridava ancora più forte: «Figlio di Davide, abbi pietà di me!».
Gesù allora si fermò e ordinò che lo conducessero da lui. Quando fu vicino, gli domandò: «Che cosa vuoi che io faccia per te?». Egli rispose: «Signore, che io veda di nuovo!». E Gesù gli disse: «Abbi di nuovo la vista! La tua fede ti ha salvato».
Subito ci vide di nuovo e cominciò a seguirlo glorificando Dio. E tutto il popolo, vedendo, diede lode a Dio.

 SCINTILLA DI LUCE🕯
18/11/2019
Luca 18,35 -43

“Allora gridò dicendo: “Gesù figlio di Davide, abbi pietà di me!”… e Gesù gli disse: “Abbi di nuovo la vista! La tua fede ti ha salvato”.

🔥Gesù passava per Gerico e un cieco che mendicava gli si avvicinò e gli gridò di aver pietà di lui. Cosa è accaduto fratelli? Al secondo grido del cieco, un grido forte, Gesù si fermò e lo guarì. Carissimi, Gesù è vero Padre che ascolta il grido di OGNI suo figlio. Quando questo grido si fa forte, esprime la “Fede Vera” che fa fermare Gesù e lo convince ad intervenire. È la fede che ci guarisce! Gesù ascolta tutti, ma guarisce solo chi ha veramente Fede!! Non è che Gesù non vuole guarire chi non ha fede, o non può, il problema è in noi! La Fede è “abbandono totale senza riserva, in Colui che tutto può”. È la fede che ci guarisce! Gesù vuol guarire TUTTI, ma se “non crediamo in Lui” o lo ricattiamo, NON GUARIAMO.

Leggi di più:  "Quello che è di Cesare rendetelo a Cesare, quello che è di Dio, a Dio".

A volte il Cristiano, inconsciamente, ricatta Gesù con queste preghiere: “Se mi guarisci, recito tre Rosari… e accendo una candela… Se mi guarisci, ti faccio il viaggio a…, Se mi guarisci, ti pregherò per sempre e crederò in Te…”. Quel cieco mendicante non ha detto nulla a Gesù, ha creduto soltanto che Gesù, il Nazareno, lo poteva guarire. Ha CREDUTO alla Sua Potenza e si è abbandonato a Lui, gridando forte: “Gesù, figlio di Davide, abbi pietà di me!”. Ha creduto che Gesù poteva aver pietà, poteva liberarlo da ogni schiavitù…Ha implorato gridando “pietà”, non la guarigione fisica. Il Signore poteva guarirlo solo nella psiche o sui peccati. Gesù ha sempre compassione per ogni Suo figlio!

Si commuove davanti al dolore di ciascuno e ha avuto pietà, ma ha anche visto la fede di quest’uomo in Lui…Il cieco ha riavuto la vista. Gli idoli, i vizi, le nostre resistenze con ragionamenti spesso sciocchi, ci fanno dubitare e non ci fanno vedere in Gesù il “Figlio di Davide che può guarirci”, per cui noi non gridiamo come il mendicante della strada… e se non gridiamo… RESTIAMO CIECHI, illusi di saper vedere e saper gestire tutto nella nostra vita. Questa “convinzione”, non ci fa gridare mentre Gesù passa, sicché Gesù, PUR POTENDO e VOLENDO GUARIRCI…, non ci guarisce! “Gesù con questa Parola oggi è fermo davanti a noi”: Vogliamo ancora restare malati e ciechi, o gridiamo forte a Lui di “aver pietà di noi”?
DIO CI BENEDICA💕🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteCiò che dicono i grandi Santi sul Santo Rosario
Articolo successivoSanta Lucia : lo sguardo di Dio
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.