Scintilla di luce della Parola

 19/03/2020
✝ VANGELO MATTEO 1,16.18-21.24

Giacobbe generò Giuseppe, lo sposo di Maria, dalla quale è nato Gesù, chiamato Cristo. Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto. Mentre però stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati». Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore.

Parola del Signore.

 SCINTILLA DI LUCE🕯
19/03/2020 (Matteo 1, 16.18 -21.24a)

“Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’Angelo del Signore”.

🔥 Oggi l’Angelo del Signore vuole parlare anche al nostro cuore con questa Parola. Cosa ci dice? “Non temere!”. Quante paure erano nel cuore di Giuseppe, ci pensate fratelli? Ma Giuseppe “HA CREDUTO” e “fece come gli aveva ordinato L’Angelo”. Anche noi oggi siamo presi da tante paure e preoccupazioni per la piaga che ha colpito tutti noi, il popolo di Dio! Pensate che Dio ci abbia abbandonato? Giuseppe aderisce al piano di Dio e per questo viene detto “GIUSTO”. Se anche noi “entriamo nella relazione di giustizia” che Dio ha con tutto l’universo intero, diventiamo “Giusti” e anche noi veniamo giustificati! Entrando in Dio, che ci ha pensati, amati e creati, entriamo nella natura stessa di Dio che è Giustizia, e diventiamo giustizia per tutti.

Leggi di più:  Scintilla di luce della Parola

Non usciamo MAI da questa giustizia, perché in questa sta la VITTORIA sul male e la gioia piena senza fine a cui aspiriamo! In questo contesto triste in cui viviamo, guardiamo alla meta e non allontaniamoci dal Padre, anzi, preghiamo di più, chiediamo perdono per noi e per l’umanità, confessiamoci, partecipiamo all’Eucarestia anche attraverso la tv o per radio…ma non molliamo! Come San Giuseppe, Maria Santissima e i Santi, CREDIAMO anche noi all’adempimento di ogni Parola di Dio! Mentre era in vita, Gesù ci ha detto: “abbi fede”, “non abbiate paura”, “chiedete e vi sarà dato”…. e dalla Croce… “io sarò con voi fino alla fine”! Crediamo o non crediamo in Gesù? Crediamo che Gesù ha patito e che è morto in croce? Bene… allora CREDIAMO “anche” che è RISORTO e che ha VINTO il male e la morte! Questa è stata la mia forza l’anno scorso in ospedale. Proprio il giorno del mercoledì delle ceneri ero in ospedale con mia madre, e da quel giorno è iniziata la nostra passione a causa di un batterio entrato nel corpo di mia madre per un intervento chirurgico. A complicare la situazione è stata un’allergia agli antibiotici somministrati per cui, nonostante le nostre preghiere, tutto sembrava peggiorare. ABBANDONANDOCI al Signore, allo Spirito Santo, consacrandosi ogni giorno a Maria Santissima e con la forza della S.MESSA, siamo riusciti a dire: “sia fatta la tua volontà” e… invocando di più, lodando di più Dio, fidandoci totalmente di Dio… abbiamo sperimentato…. dopo la passione, la Morte (quella del nostro “IO”).

Era necessaria “la morte spirituale” per VIVERE ANCHE la Risurrezione! Oggi mia madre è miracolosamente viva, e sta bene. Quest’anno in Quaresima c’è il “coronavirus” a provarci, ma fratelli, c’è ancora la Parola che ci dà la stessa forza! Tutti insieme, coraggio combattiamo, rispettando le indicazioni del Governo, ma ANCHE PREGANDO, lodando Gesù, FIDANDOCI anche noi come San Giuseppe! “NON TEMERE”, oggi questa Parola è la nostra forza, Coraggio!!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteMons. D’Ercole: “Nulla sarà più come prima dopo il Coronavirus”
Articolo successivoL’olio e la medaglia di San Giuseppe hanno ottenuto guarigioni
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.