Scintilla di luce della Parola

 22/03/2020
✝PRIMO LIBRO SAMUELE 16,1b.4.6-7.10-13

In quei giorni, il Signore disse a Samuele: «Riempi d’olio il tuo corno e parti. Ti mando da Iesse il Betlemmita, perché mi sono scelto tra i suoi figli un re». Samuele fece quello che il Signore gli aveva comandato. Quando fu entrato, egli vide Eliàb e disse: «Certo, davanti al Signore sta il suo consacrato!». Il Signore replicò a Samuele: «Non guardare al suo aspetto né alla sua alta statura. Io l’ho scartato, perché non conta quel che vede l’uomo: infatti l’uomo vede l’apparenza, ma il Signore vede il cuore». Iesse fece passare davanti a Samuele i suoi sette figli e Samuele ripeté a Iesse: «Il Signore non ha scelto nessuno di questi». Samuele chiese a Iesse: «Sono qui tutti i giovani?». Rispose Iesse: «Rimane ancora il più piccolo, che ora sta a pascolare il gregge». Samuele disse a Iesse: «Manda a prenderlo, perché non ci metteremo a tavola prima che egli sia venuto qui». Lo mandò a chiamare e lo fece venire. Era fulvo, con begli occhi e bello di aspetto. Disse il Signore: «Àlzati e ungilo: è lui!». Samuele prese il corno dell’olio e lo unse in mezzo ai suoi fratelli, e lo spirito del Signore irruppe su Davide da quel giorno in poi.

Parola di Dio

SCINTILLA DI LUCE🕯
22/03/2020 Dal primo libro di Samuele 16,1 b. 4.6-7.10 -13

“L’uomo vede l’apparenza, ma il Signore vede il cuore”.

🔥Nostro Signore guarda il cuore e NON l’apparenza, ci dice oggi la Parola. Cosa vuol dire? Vuol dire che Dio opera attraverso coloro che lo lasciano “passare” e NON attraverso quelle persone che sono piene di sé, che si sentono sapienti, perfettamente capaci, che sanno tutto di Dio e per questo “credono” di essere anche “buoni conduttori” di Dio. Non guardiamo le apparenze, ma guardiamo INVECE l’umiltà del cuore, la trasparenza di una persona. Più il fratello è semplice come un bambino, più sarà “povero” perché ritiene di non avere niente di proprio da difendere… Diventa quindi “buon conduttore di Dio”, perché è più capace di APRIRSI a Dio…e quando ci si apre a Dio nella Verità, “si lascia passare SOLO Dio”, si RIFLETTE solo il Suo Amore, il Suo pensiero, la Sua volontà! Qualche volta ci può accadere di bloccare Dio con i nostri ragionamenti in difesa dei nostri peccati, e poco ci affidiamo a Dio, poco ci apriamo al Padre e poco ci fidiamo del Padre. Dio si manifesta a noi nella misura in cui CREDIAMO in Lui, non lo giudichiamo e quando la smettiamo di “studiarlo troppo”, di imparare solo a memoria i Suoi Comandamenti. Iniziamo piuttosto ad APRIRE il CUORE a Lui!

Leggi di più:  "Chiunque vive e crede in me, non morirà in eterno"

Quando ci abbandoniamo a Dio a cuore aperto, in semplicità….come i bambini…, invocando lo Spirito Santo e lasciando fare a Lui, nasce la relazione “tra noi e il Padre”… riscopriamo un’intimità Divina tra noi e la Trinità, che è LUCE che tocca e rompe ogni buio nei cuori dove arriva! Dio è LUCE, Dio è Amore e “passa” così, così arriva alla gente, NON attraverso le parole e i tanti ragionamenti! Invochiamo lo Spirito Santo prima di ogni azione di evangelizzazione e lasciamo che Lui si serva di noi “senza sapere come!” A volte con una parola nostra, a volte con un nostro gesto o con una testimonianza….A volte basta un solo sorriso nostro e DIO ARRIVA e PARLA a chi ci sta vicino. Siamo suoi servi e Dio si “serve” di noi. Siamo TUTTI strumenti di Dio….ma è Dio che sceglie, come e quando servirsene… “vedendo più il cuore e non le apparenze!!”
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteProf Giuseppe Noia “Gravidanza e Coronavirus”
Articolo successivoPreghiera potentissima a San Giuseppe
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.