Scintilla di luce della Parola

27/03/2020
✝DAL LIBRO DELLA SAPIENZA 2,1a.12–22

Dicono [gli empi] fra loro sragionando:
«Tendiamo insidie al giusto, che per noi è d’incomodo
e si oppone alle nostre azioni;
ci rimprovera le colpe contro la legge
e ci rinfaccia le trasgressioni contro l’educazione ricevuta.
Proclama di possedere la conoscenza di Dio
e chiama se stesso figlio del Signore.
È diventato per noi una condanna dei nostri pensieri;
ci è insopportabile solo al vederlo,
perché la sua vita non è come quella degli altri,
e del tutto diverse sono le sue strade.
Siamo stati considerati da lui moneta falsa,
e si tiene lontano dalle nostre vie come da cose impure.
Proclama beata la sorte finale dei giusti
e si vanta di avere Dio per padre.
Vediamo se le sue parole sono vere,
consideriamo ciò che gli accadrà alla fine.
Se infatti il giusto è figlio di Dio, egli verrà in suo aiuto
e lo libererà dalle mani dei suoi avversari.
Mettiamolo alla prova con violenze e tormenti,
per conoscere la sua mitezza
e saggiare il suo spirito di sopportazione.
Condanniamolo a una morte infamante,
perché, secondo le sue parole, il soccorso gli verrà».

Hanno pensato così, ma si sono sbagliati;
la loro malizia li ha accecati.
Non conoscono i misteriosi segreti di Dio,
non sperano ricompensa per la rettitudine
né credono a un premio per una vita irreprensibile.

Parola di Dio

 SCINTILLA DI LUCE🕯
27/03/2020 Dal libro della Sapienza 2, 1a.12- 22

“Hanno pensato così, ma si sono sbagliati; la loro malizia li ha accecati”.

🔥Gesù è stato condannato INGIUSTAMENTE. I capi, gli empi… lo hanno “eliminato” attaccandolo alla Croce…così hanno creduto di averlo ucciso! Non riuscendo a farlo tacere, non riuscendo a corromperlo nella malavita, hanno creduto di aver messo a morte Gesù “crocifiggendolo…. hanno pensato così, ma si sono sbagliati; “la loro malizia li ha accecati”, dice la Parola. Fratelli carissimi, anche noi ragioniamo come i capi e gli empi della Parola? Cerchiamo noi di non ragionare alla “moda degli uomini”, ragioniamo piuttosto secondo i “misteriosi segreti di Dio”! Cosa prevedono questi misteriosi “segreti” di Dio? Prevedono una verità che ci salva!

La Verità è che Gesù è VIVO, è Risorto e chi crede in Lui, non morirà ma RIVIVRÀ. La Verità è che Dio ha creato l’uomo per l’ IMMORTALITÀ! Non si può chiamare “morte” quella che sperimenta una persona quando chiude gli occhi definitivamente. Questa morte è solo terrena e avviene quando il corpo, con le sue funzioni respiratorie, cardiocircolatorie…si ferma, ma l’anima, quando ciò accade, è con Dio e VIVE! Quella morte, nel pensiero di Dio, non è morte, ma è “passaggio”! Secondo il mio modo di vedere, si sperimenta la morte invece, tutte le volte che ci “distacchiamo” da Dio che ci ha creati per l’immortalità. Quando si cade nel peccato, si entra in una realtà NON pensata da Dio, il quale è invece datore SOLO di VITA. Quando entriamo nella vita di peccato, soprattutto di peccato “GRAVE”, l’uomo si produce la morte, la sofferenza, il dramma, la perdita di ogni gioia e speranza…. e quindi, perdita della vita che Dio, in Gesù, ci vuole restituire! La morte è per me, ogni azione che porta alla “negazione della vita”! Tutte le volte che rifiutiamo di AMARE, si crea una situazione di morte! Il riscatto della nostra vita si ha SOLO in GESÙ!

Con il Suo sangue… dalla Croce, Gesù ci ha dato lo Spirito Santo e la vita! Gesù è “pietra scartata” ma che è diventata “testata d’angolo”….non dimentichiamolo! Con il SACRIFICIO EUCARISTICO di Gesù sull’altare, noi veniamo purificati ed insieme al Sacramento della Riconciliazione, possiamo, “spiritualmente” ritornare in vita! Gli empi di un tempo si sono sbagliati, “accecati dalla malizia”….dice la Parola, ma purtroppo ancora oggi ci sono empi che continuano ad essere ciechi! Oggi, guardiamo a noi e chiediamoci: percorriamo anche noi la via che ci porta alla morte? Oppure, abbandonando ogni malizia, abbiamo visto in Gesù la SALVEZZA che, con i Sacramenti, ci giunge? Vediamo la vita o siamo ancora ciechi? La vediamo sì o no la vita in Gesù? Se ancora non la vediamo, io consiglio di confessarci!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteDocumento riservato della CEI su Governo, Messa e Chiese – Con Marco Tosatti
Articolo successivoIl sogno di due giovani imprenditrici: una Caffetteria cattolica nella terra dei fuochi.
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here