Scintilla di luce della Parola

Scintilla di luce della Parola

 GIOVANNI 21, 15-19

In quel tempo, [quando si fu manifestato ai discepoli ed] essi ebbero mangiato, Gesù disse a Simon Pietro: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami più di costoro?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pasci i miei agnelli».
Gli disse di nuovo, per la seconda volta: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pascola le mie pecore».
Gli disse per la terza volta: «Simone, figlio di Giovanni, mi vuoi bene?». Pietro rimase addolorato che per la terza volta gli domandasse “Mi vuoi bene?”, e gli disse: «Signore, tu conosci tutto; tu sai che ti voglio bene». Gli rispose Gesù: «Pasci le mie pecore. In verità, in verità io ti dico: quando eri più giovane ti vestivi da solo e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio tenderai le tue mani, e un altro ti vestirà e ti porterà dove tu non vuoi».
Questo disse per indicare con quale morte egli avrebbe glorificato Dio. E, detto questo, aggiunse: «Seguimi».

18/05/18
Gv 21,15-19
Gesù disse a Simon Pietro:”Simone, figlio di Giovanni, mi ami più di costoro?”. Gli rispose:” certo Signore, tu lo sai che ti voglio bene” Gli disse:” Pasci i miei agnelli”.

🔥Per tre volte Gesù chiede a Pietro se lo ama. Pensate voi che Gesù non sappia se Pietro lo ama? Questo interrogativo fa bene a Pietro perché lo fa riflettere sul suo amore per Gesù. Pietro risponde:” ti voglio bene” che non è lo stesso di amare. Gesù esige un AMORE GRANDE, totale, prima di affidargli la Sua Chiesa con l’espressione “Pasci i miei agnelli”. Ognuno di noi è un agnello, una pecora amata a caro prezzo da Gesù con il suo sangue versato in croce e Gesù ci affida a S. Pietro, un grande pilastro della Chiesa insieme a S. Paolo.

La persona di San Pietro, oggi viene identificata in Papa Francesco, a lui viene chiesto di amare molto la sua Chiesa, di guidarla, di proteggerla dal maligno e ringraziamo Dio che ci ha dato un GRANDE PAPA, una grande GUIDA! Ma anche ad ogni Cardinale, Vescovo, Sacerdote e a ciascuno di noi, Gesù oggi con questa Parola ci chiede: ” Mi ami?”

Ci esorta ad imparare ad amarlo, ad adorarlo per potere essere guida di noi stessi e del fratello che non conosce la via di santità. Se un fratello rifiuta la Verità e non vuole amare Dio, è lui responsabile, ma cari fratelli, se conosciamo dei fratelli che si perdono perché non sanno pregare e non conoscono l’Amore Trinitario e la via della salvezza, noi risponderemo a Dio perché è come un ” omissione di soccorso” mentre lo vediamo andare incontro alla morte spirituale.