Scintilla di luce della Parola

 07/04/2020
✝ VANGELO GIOVANNI 13,21-33.36-38

In quel tempo, [mentre era a mensa con i suoi discepoli,] Gesù fu profondamente turbato e dichiarò: «In verità, in verità io vi dico: uno di voi mi tradirà». I discepoli si guardavano l’un l’altro, non sapendo bene di chi parlasse. Ora uno dei discepoli, quello che Gesù amava, si trovava a tavola al fianco di Gesù. Simon Pietro gli fece cenno di informarsi chi fosse quello di cui parlava. Ed egli, chinandosi sul petto di Gesù, gli disse: «Signore, chi è?». Rispose Gesù: «È colui per il quale intingerò il boccone e glielo darò». E, intinto il boccone, lo prese e lo diede a Giuda, figlio di Simone Iscariòta. Allora, dopo il boccone, Satana entrò in lui. Gli disse dunque Gesù: «Quello che vuoi fare, fallo presto».

Nessuno dei commensali capì perché gli avesse detto questo; alcuni infatti pensavano che, poiché Giuda teneva la cassa, Gesù gli avesse detto: «Compra quello che ci occorre per la festa», oppure che dovesse dare qualche cosa ai poveri. Egli, preso il boccone, subito uscì. Ed era notte. Quando fu uscito, Gesù disse: «Ora il Figlio dell’uomo è stato glorificato, e Dio è stato glorificato in lui. Se Dio è stato glorificato in lui, anche Dio lo glorificherà da parte sua e lo glorificherà subito. Figlioli, ancora per poco sono con voi; voi mi cercherete ma, come ho detto ai Giudei, ora lo dico anche a voi: dove vado io, voi non potete venire». Simon Pietro gli disse: «Signore, dove vai?». Gli rispose Gesù: «Dove io vado, tu per ora non puoi seguirmi; mi seguirai più tardi». Pietro disse: «Signore, perché non posso seguirti ora? Darò la mia vita per te!». Rispose Gesù: «Darai la tua vita per me? In verità, in verità io ti dico: non canterà il gallo, prima che tu non m’abbia rinnegato tre volte».

Parola del Signore

🕯SCINTILLA DI LUCE
7/04/2020 Giovanni 13, 21- 33. 36-38

“Gli disse dunque Gesù: “Quello che vuoi fare, fallo presto”.

🔥Il Signore ci conosce sin dal grembo di nostra madre, dice il Profeta Isaia (Is 49,1-6). Lui sa tutto di noi, ci ha chiamati dal seno materno e ci dà una missione stupenda. Ciascuno ha la sua, ciascuno è “Luce delle Nazioni” con i Doni e i Carismi che il Signore dà. Anche Giuda, prima di essere sedotto dal maligno, probabilmente aveva la sua, ma dopo che Satana entrò in lui, dopo aver preso “il boccone”, ci dice la Parola, portò avanti un’ altra missione…perché così “fosse glorificato il figlio dell’uomo” e “il Padre fosse glorificato in Gesù”. Gesù conosceva la missione di Giuda sin dall’inizio, per questo gli ha detto: “Quello che vuoi fare, fallo presto”. Perché tardare?

Giuda non era più in sintonia spirituale con Gesù e con i discepoli! Quando satana infatti riesce ad entrare nel cuore di qualcuno, prima acceca la persona e le impone di cancellare Dio da se stessa, poi la riempie di odio contro coloro che sono fedeli a Dio… la immerge nella menzogna, la trasfigura nella falsità. Gesù sapeva che Giuda aveva deciso di tradirlo, quindi lo invia subito e si concentra nel preparare i suoi discepoli alla Sua passione, alla Sua morte, ma anche alla Sua Risurrezione. I discepoli però non capirono bene. Il Signore parlava infatti di dover andare in un posto dove loro non potevano seguirlo…Gesù va’ alla destra di Dio, ma ha preparato un posto per tutti, anche per Giuda! Gesù ha dato la vita per tutti! Il Signore permette a Giuda di tradirlo, perché Lui (Gesù) fosse glorificato e Dio potesse essere glorificato in Lui, ma non rimprovera né si adira contro Giuda…l’ha amato fino alla fine e anche per lui ha sofferto. Gesù muore e RISORGE per i giusti, ma anche e soprattutto per i peccatori! Satana, quando Gesù muore in croce, crede di aver vinto; allo stesso modo crede di aver vinto quando riesce a sedurre un marito o una moglie istigandoli al tradimento. Lui crede di aver vinto quando si distruggono le famiglie, ma non è così!

Gesù è RISORTO! Ha vinto la morte e istituendo i Sacramenti, prepara il percorso di Risurrezione anche per noi! È già operativo fratelli! Quando anche noi, come Giuda, scegliamo ciò che è male…PENTENDOCI, possiamo ritornare nella via del bene!! Giuda ha compreso di aver sbagliato, ma è entrato nella disperazione e si è impiccato! Oggi però noi comprendiamo le Parole che Gesù dice ai discepoli ma anche a tutti noi: “Vado a prepararvi un posto” quindi, “MAI ci si deve uccidere quando si prende coscienza di avere sbagliato!” Gesù ama, Gesù perdona, accoglie e SALVA! La nostra vita è preziosa da sempre! Ciascuno “ha una sua missione e si è sempre in tempo a portarla avanti!” Se siamo pentiti, ritorniamo a Lui. Ricordate il Re Davide? Fu un grande peccatore, ma dopo essersi PENTITO, è diventato il RE dei RE! Davide non si è impiccato, con il Salmo 51, ha invocato Dio!!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteUn esercito contro il male di don Gabriele Amorth
Articolo successivoPadre Amorth e le armi per combattere il demonio
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.