Scintilla di luce della Parola

lo Spirito con l’unzione mi ha consacrato, lo Spirito mi ha mandato. ad annunziare ai poveri. un lieto messaggio di salvezza. mod. Sr. Caterina fsp.

10/01/19
✝VANGELO LUCA 4,14-22a

In quel tempo, Gesù ritornò in Galilea con la potenza dello Spirito e la sua fama si diffuse in tutta la regione. Insegnava nelle loro sinagoghe e gli rendevano lode.

Venne a Nàzaret, dove era cresciuto, e secondo il suo solito, di sabato, entrò nella sinagoga e si alzò a leggere. Gli fu dato il rotolo del profeta Isaìa; aprì il rotolo e trovò il passo dove era scritto:
«Lo Spirito del Signore è sopra di me;
per questo mi ha consacrato con l’unzione,
e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio,
a proclamare ai prigionieri la liberazione
e ai ciechi la vista;
a rimettere in libertà gli oppressi
e proclamare l’anno di grazia del Signore».

Riavvolse il rotolo, lo riconsegnò all’inserviente e sedette. Nella sinagoga, gli occhi di tutti erano fissi su di lui. Allora cominciò a dire loro: «Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato».

Tutti gli davano testimonianza ed erano meravigliati delle parole di grazia che uscivano dalla sua bocca.

SCINTILLA DI LUCE🕯
10/01/19 Luca 4,14 22
“Lo Spirito del Signore è sopra di me, per questo mi ha consacrato con l’unzione e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio, a proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista, a rimettere in libertà gli oppressi e proclamare l’anno di grazia del Signore”

🔥Ogni battezzato è Sacerdote, Re e Profeta di Dio quindi andiamo ad annunciare che la speranza che Gesù dà al Suo popolo è possibile, servendosi anche di noi. La “promessa di Cristo” si è attuata, Gesù è venuto per liberarci dalla schiavitù del peccato, Gesu’ ridà ancora oggi la vista ai ciechi e consola i poveri.

In che modo? Con i Sacramenti ci libera dal peccato. Con la PAROLA ci guida alla comprensione della Sua volontà, ci richiama al bene, ci consola, ci ricorda i Suoi prodigi, la Sua Onnipotenza. Con la Sua Parola ci fa vedere ciò che noi non vogliamo vedere! Con la Liturgia Eucaristica, Gesù, nel Corpo e nel Sangue libera gli oppressi, ci libera dalle vanità terrene, dalle sette, nutre la nostra fede, ci rende a Sua immagine e somiglianza. Non possiamo dubitare che quel giorno alla Sinagoga la Scrittura non si era compiuta. Non possiamo dubitare. Lo Spirito del Signore era su Gesù e l’ha mandato da noi perché Dio ci chiama e si vuole prendere cura del Suo popolo!

Accogliamo questo lieto annuncio di Gesù che ha dato alla Sinagoga ma che dà ancora adesso a ciascuno di noi poveri. Siamo tutti impoveriti dalle tante “false ricchezze terrene” che ci rendono spesso “poveracci!” Cerchiamo di essere piuttosto “Poveri in Spirito” e accogliamo questo Annuncio di salvezza in Cristo Gesù Risorto! Impariamo ad accogliere l’annuncio ma anche ad essere Profeti per permettere a Gesù, attraverso noi, di: liberare le donne costrette a prostituirsi perché vittime di organizzazioni criminali, di rendere al povero AIUTO per GIUSTIZIA, di aiutare chi è cieco nelle Verità di fede e non conosce Gesù come UNICO Salvatore…

Anche noi siamo stati UNTI ed INVIATI a portare il LIETO ANNUNCIO che Gesù è vivo ed opera ancora oggi guarigioni. Forse l’abbiamo dimenticato?
DIO CI BENEDICA💕🙏🏻
M.C.M.