Scintilla di luce della Parola

11/02/19
✝ VANGELO MARCO 6,53-56

In quel tempo, Gesù e i suoi discepoli, compiuta la traversata fino a terra, giunsero a Gennèsaret e approdarono.

Scesi dalla barca, la gente subito lo riconobbe e, accorrendo da tutta quella regione, cominciarono a portargli sulle barelle i malati, dovunque udivano che egli si trovasse.

E là dove giungeva, in villaggi o città o campagne, deponevano i malati nelle piazze e lo supplicavano di poter toccare almeno il lembo del suo mantello; e quanti lo toccavano venivano salvati.

SCINTILLA DI LUCE🕯
11/02/19 Marco 6, 53-56
“Lo supplicavano di poter toccare almeno il lembo del suo mantello e quanti lo toccavano venivano salvati”

🔥Oggi si celebra l’ennesima GIORNATA MONDIALE del MALATO e anche si fa memoria dell’apparizione della BV Maria a Lourdes. Quante guarigioni Gesù, per intercessione della Vergine, opera ancora oggi a Lourdes! Ma se non possiamo andare a Lourdes, Gesù ci raggiunge comunque se noi lo invochiamo! Gesù non si pone alcun problema di distanza, di tempo o di voglia di guarire. Lui vuole guarirci sempre ed è sempre disponibile perché lo vuole più di noi! È contento quando lo invochiamo, quando lo tocchiamo! La Parola ci dice che lo “supplicavano di poter toccare almeno il lembo del mantello” e se ci riuscivano, venivano salvati.

Quanto daremmo e cosa non faremmo noi per poter toccare Gesù! Eppure l’abbiamo sempre disponibile nell’Eucaristia e spesso lo ignoriamo, lo riceviamo indegnamente, a volte per abitudine senza comprendere il DONO di questa COMUNIONE che ci santifica, che ci guarisce e ci libera! Quando facciamo la Comunione, Gesù Vivo entra dentro di noi. Lo capiamo? Preferiamo forse toccare solo il “Suo mantello?” Molto di più Gesù ci dà durante la S. Messa! Si dona TOTALMENTE a noi con il suo CORPO e con il suo SANGUE e noi a stento lo ringraziamo. Fratelli, nel momento della Comunione, chiediamo a Gesù di guarirci, di toccare la nostra mente, di liberarci dai mali nascosti nella memoria..

dal ricordo delle offese ricevute. Chiediamo a Gesù che viene in noi, di guarirci nel corpo e nella volontà malata di mondanità. Chiediamo che ci guarisca nella debole volontà di amare, di cambiare, di servirlo, di perdonare. Gesù guarisce ancora, non accontentiamoci di toccare il mantello. Un tempo Gesù passava e non tutti potevano toccarlo. Oggi, se vogliamo, TUTTI possiamo ABBRACCIARLO SACRAMENTALMENTE. “Se ci crediamo” questo è MERAVIGLIOSO! Lui non aspetta altro. Siamo noi che godiamo di questa presenza solo a FRAMMENTI e spesso distrattamente.Ti senti malato?

Che aspetti a farti guarire? Vivi la S. Messa. Non perderti in chiacchiere e non farti distrarre da niente. I canti sono preghiere e non ESIBIZIONI da CONCERTO per cui si fa a gara. Vivi con Maria, con i Santi… la FESTA che Gesù ha preparato per noi…per guarirci ancora e ringraziare Dio! È Dio il protagonista, a Lui diamo onore e gloria! Se capisci questo comprendi anche che non c’é differenza tra una Messa e l’altra… è sempre una GRANDE FESTA anche se non è animata da chi vuoi tu e come piace a te!!!
DIO CI BENEDICA💕🙏🏻
M.C.M.