Scintilla di luce della Parola

 04/12/19
✝ VANGELO MATTEO 15,29-37

In quel tempo, Gesù giunse presso il mare di Galilea e, salito sul monte, lì si fermò. Attorno a lui si radunò molta folla, recando con sé zoppi, storpi, ciechi, sordi e molti altri malati; li deposero ai suoi piedi, ed egli li guarì, tanto che la folla era piena di stupore nel vedere i muti che parlavano, gli storpi guariti, gli zoppi che camminavano e i ciechi che vedevano. E lodava il Dio d’Israele.

Allora Gesù chiamò a sé i suoi discepoli e disse: «Sento compassione per la folla. Ormai da tre giorni stanno con me e non hanno da mangiare. Non voglio rimandarli digiuni, perché non vengano meno lungo il cammino». E i discepoli gli dissero: «Come possiamo trovare in un deserto tanti pani da sfamare una folla così grande?».
Gesù domandò loro: «Quanti pani avete?». Dissero: «Sette, e pochi pesciolini». Dopo aver ordinato alla folla di sedersi per terra, prese i sette pani e i pesci, rese grazie, li spezzò e li dava ai discepoli, e i discepoli alla folla.

Tutti mangiarono a sazietà. Portarono via i pezzi avanzati: sette sporte piene.

 SCINTILLA DI LUCE🕯
4/12/19 Matteo 15,29 -37

“Attorno a lui si radunò molta folla… ed egli li guarì. Dopo aver ordinato alla folla di sedersi per terra, prese sette pani e i pesci, rese grazie, li spezzò e li dava ai discepoli, e i discepoli alla folla”.

🔥Il vero Cristiano vive cercando di uniformare la propria vita a quella di Cristo, altrimenti che Cristianesimo è il nostro? Imitare Gesù nel Suo modo di pensare, parlare, desiderare, agire ed amare è il nostro obiettivo, ma non sempre ci riusciamo. Noi non possiamo fare tutto ciò che fa Gesù. Possiamo radunare attorno a noi la folla, ma non possiamo guarire come faceva Gesù. Noi, senza Gesù, siamo niente… polvere, cenere! Nel “Suo nome possiamo guarire, consolare e liberare”, ma senza Gesù non siamo nessuno. Senza la Grazia soprannaturale, non possiamo far nulla!!

Leggi di più:  "Chiunque vive e crede in me, non morirà in eterno"

Gesù può moltiplicare i pani e i pesci e sfamare la folla. I Sacerdoti possono prendere l’OSTIA, rendere grazie a Dio, e dopo la “consacrazione”, sfamare spiritualmente la folla con il “Pane Eucaristico” sotto forma di Ostia, ma noi laici, sposi, missionari…non possiamo né moltiplicare pani e pesci, né consacrare le ostie. Apprendiamo dalla Parola però che Gesù dava ai discepoli ciò che “moltiplicava”, e i discepoli “davano” alla folla! Quanti Ministri straordinari prendono dalle mani del Sacerdote le OSTIE consacrate e le portano agli ammalati?: SFAMANO la folla, ancora oggi bisognosa del Pane Eucaristico! Ma cari fratelli, anche la Parola è Gesù, anche la Parola è PANE DI VITA, è pane…. è cioè ciò che ci sfama e ci ridà vita! Questo pane sì che lo possiamo portare alla folla! È Gesù che ce lo ha dato. Gesù prima di moltiplicare il pane e i pesci, sfama la folla con la SUA PAROLA, “cibo di vita eterna”. Lui stesso l’ha definita un “cibo che non perisce MAI”.

Quando portiamo la Parola nelle case dove si litiga, dove c’è la sofferenza fisica e spirituale…. quando portiamo la Parola nei cuori dei colleghi, dei fratelli, dei nostri amici e nemici…noi siamo come quei discepoli a cui Gesù diede il pane e i pesci che aveva moltiplicato. Sta scritto infatti che “i discepoli li davano alla folla.” Siamo o non siamo anche noi oggi discepoli? Noi non compiamo guarigioni, ma Gesù opera ancora oggi attraverso la Sua Parola. Diffondiamola! lo ripeto: anche noi oggi possiamo sfamare la folla diffondendo la Parola! Gesù, ancora oggi si serve dei suoi discepoli che siamo noi che crediamo in Lui!
DIO CI BENEDICA 💞🙏🏻
M.C.M.

Articolo precedenteLa sua bambina è nata ed è in buona salute. Mamma Natalie ha detto No all’aborto
Articolo successivoLa risposta di 5212 biologi americani ci dice quando ha inizio la vita umana
Maria Catena Macaluso
Maria Catena Macaluso (volontaria), nata a San Cataldo (CL) nel 1972 , residente a Caltanissetta. Ragioniera, infermiera, attualmente in servizio in Ostetricia e Ginecologia, presso l'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Mamma di Davide di 21 anni e Chiara di 16 anni. Cresciuta a Gela fino a 14 anni. Trasferita poi a Caltanissetta dove ha completato gli studi e dove si è consolidata la sua fede e la sua scelta vocazionale al matrimonio (aveva avuto dubbi di vocazione religiosa come infermiera missionaria tra le Missionarie della Carità di Madre Teresa di Calcutta). Per anni è stata Responsabile di gruppo nel RNS e Responsabile Diocesana nel Ministero di guarigione e consolazione. Oggi, serva di Dio nella Chiesa, praticante in due Parrocchie nella diocesi di CL, volontaria in due case di riposo, serva con il marito nel gruppo della tenerezza "Aquila e Priscilla". Responsabile del gruppo Chiesa Domestica, attualmente in fase di approvazione ecclesiale. In attesa di iniziare il nuovo percorso con i fidanzati di preparazione al matrimonio.Collabora con Cristiani Today e cura quotidianamente la rubrica “Scintilla di luce della Parola” scrivendo il commento alla lettura e al Vangelo del giorno.