Scintilla di Luce della parola

14/03/19
✝ESTER 4,17

In quei giorni, la regina Ester cercò rifugio presso il Signore, presa da un’angoscia mortale. Si prostrò a terra con le sue ancelle da mattina a sera e disse: «Tu sei benedetto, Dio di Abramo, Dio di Isacco, Dio di Giacobbe. Vieni in aiuto a me che sono sola e non ho altro soccorso all’infuori di te, o Signore, perché un grande pericolo mi sovrasta. Io ho sentito dai libri dei miei antenati, Signore, che tu liberi fino all’ultimo tutti coloro che compiono la tua volontà. Ora, Signore, mio Dio, aiuta me che sono sola e non ho nessuno all’infuori di te. Vieni in soccorso a me, che sono orfana, e poni sulle mie labbra una parola opportuna davanti al leone, e rendimi gradita a lui. Volgi il suo cuore all’odio contro chi ci combatte, a rovina sua e di quanti sono d’accordo con lui. Quanto a noi, liberaci dalla mano dei nostri nemici, volgi il nostro lutto in gioia e le nostre sofferenze in salvezza».

SCINTILLA DI LUCE🕯
14/03/19 Dal libro di Ester 4,17

<Io ho sentito dai libri dei miei antenati, Signore, che tu liberi…. tutti coloro che compiono la tua volontà>>

🔥La preghiera della regina Ester ha sempre colpito la mia attenzione e la mia sensibilità. Noi siamo abituati a chiedere, e solo CHIEDERE in preghiera, per noi la preghiera a Dio è solo d’intercessione! Un figlio ha una relazione con il padre solo basata sull’intercessione? È importante solo chiedere al Padre… oppure è opportuno anche amarlo, rispettarlo, obbedirlo, chiedere e valutare qual è la Sua volontà sulla nostra vita, sulle nostre prove? La bellissima preghiera della Regina Ester, oggi ci insegna che lei, “a cuore aperto” parlava a Dio come una vera figlia. Presentava la sua paura e si poneva il problema della volontà di Dio. Faceva riferimento ai suoi antenati che compiendo la volontà di Dio e non la loro….hanno avuto soccorso, conforto, forza e vittoria. Per noi, oggi, cari fratelli, quanto conta la volontà di Dio nella nostra vita? E quanta attenzione diamo alla vita dei Santi? Loro hanno avuto tutto, mettendo al primo posto la VOLONTÀ di Dio SEMPRE, noi invece, spesso.. imponiamo a Dio la nostra volontà e mentre chiediamo le grazie, le “pretendiamo!” La nostra non è una richiesta di un figlio obbediente che sa accettare tutto! Diciamo che chiediamo con Fede solo che se non otteniamo, la fede spesso la si perde!! Diversa è la preghiera “umile e sottomessa” di Ester! E tu, dialoghi con “perseveranza” con Dio o imponi a Dio? Lo senti Dio come un Padre che ami, ADORI, servi e a cui sai che puoi chiedere, come Ester, ACCETTANDO la SUA volontà o ti rivolgi a LUI solo quando sei “schiacciato dai problemi, dai vizi, dai doveri e provi “l’alternativa” di pregare Dio, pensando:”se va, Dio è grande e se non ti esaudisce, forse dirai che Lui non c’è?”Ma che figlio sei? Dio ci ama, da VERO PADRE…anche quando noi, SUOI FIGLI…non lo amiamo! Gli assenti in questa relazione, SIAMO Noi! Ravvediamoci fratelli e impariamo a pregare, a dialogare con rispetto con Dio…lo stesso che Lui ha per noi, per le nostre scelte di vita in Lui o di morte spirituale…lontano da Lui! Impariamo ad accettare la volontà del Padre SEMPRE… è Gesù che ce lo INSEGNA, dandoci l’esempio!
DIO CI BENEDICA💕🙏🏻
M.C.M.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here